"Impara digitale", 450 docenti e 15 dirigenti "innoveranno" il futuro della scuola

Gli istituti coinvolti sono quelli di Alessandria della Rocca, Santo Stefano Quisquina, Bivona, Cianciana, San Biagio Platani, Lucca Sicula, Burgio, Ribera, Cattolica Eraclea, Montallegro, Villafranca Sicula e Calamonaci

Docenti alle prese con le nuove tecnologie per innovare l'attività didattica

Sono 450 i docenti, più 15 dirigenti scolastici, che domattina si ritroveranno ad Alessandria della Rocca "Tablet school - Impara digitale". "Innoviamo la scuola, formiamo il futuro" - questo lo slogan della manifestazione che si svolgerà in uno dei centri Sicani. Perché l'area interna Sicania godrà di 32 milioni di euro di investimenti e di questi 13 riguarderanno la viabilità, ma due milioni di euro riguarderanno proprio le scuole: le infrastrutture ed il materiale scolastico.

L'evento che si svolgerà all'istituto "Manzoni" di Alessandria della Rocca ha l’obiettivo di promuovere l’utilizzo di metodi didattici innovativi attraverso il coinvolgimento dei diretti interessati: i “docenti innovatori”. Il format della manifestazione viene rinnovato ogni anno, proponendo sempre nuove attività per diffondere l’importanza di un necessario cambiamento nel modo di fare didattica con le nuove tecnologie. E per questi motivi vengono organizzate numerose attività in parallelo, tra cui dibattiti, seminari, workshop. 

I docenti coinvoti nel "Tablet school - Impara digitale" sono di 12 scuole dell'Agrigentino: di Alessandria della Rocca, di Santo Stefano Quisquina, Bivona, Cianciana, San Biagio Platani, Lucca Sicula, Burgio, Ribera, Cattolica Eraclea, Montallegro, Villafranca Sicula e Calamonaci. Fra i docenti anche quelli di due scuole superiori di Ribera e Bivona. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Incidente fra auto e moto, 3 feriti: uno è grave e l'altro era senza patente

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • "Hanno incassato 80 mila euro su un prestito di 25, ma ancora volevano soldi": fermati due fratelli

  • Maxi truffa all'Inail, sequestro da 130mila euro nei confronto di un oleificio

  • Alberi e detriti per strada, il sindaco: "Non uscite da casa se non necessario"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento