Risse e danneggiamenti, Firetto chiede l'intervento di prefetto e questore

Il sindaco: "Insostenibile che un manipolo di delinquenti tenga sotto scacco Agrigento, che turbi la quiete pubblica e tenti di instaurare, soprattutto dopo una certa ora, allarme e preoccupazione nei cittadini"

Il sindaco Lillo Firetto

"Dopo l'ennesima rissa in centro, chiedo un intervento urgente al prefetto e al questore per la sicurezza in città". Lo ha detto il sindaco di Agrigento, Lillo Firetto.

Vetrine di ristorante e pub in frantumi per tentati furti e migrante in fuga: caos in via Pirandello

"Insostenibile - dice - che un manipolo di delinquenti tenga sotto scacco Agrigento, che turbi la quiete pubblica e tenti di instaurare, soprattutto dopo una certa ora, allarme e preoccupazione nei cittadini che mi riferiscono ogni giorno di aver assistito a risse tra ubriachi e allo spaccio indisturbato di sostanze stupefacenti. Agrigento è ritenuta una città sicura e deve continuare a esserlo - ha aggiunto il sindaco - . Quindi tutte le forze di polizia presenti sul territorio devono intervenire per arginare ed eliminare subito questo fenomeno emergente. Gli esercenti del luogo sono stanchi di dover subire danneggiamenti a causa di questi atteggiamenti  delinquenziali.  La movida - conclude Firetto - è un aspetto positivo che crea economia e rende vivo il nostro centro storico fino a tarda ora, ma la presenza di avventori e clienti deve avvenire in un clima di assoluta sicurezza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Coronavirus, crescono i casi a Canicattì (+11), Ravanusa (+9), Campobello (+3), Racalmuto e Licata (+1): c'è anche un morto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento