menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una veduta dell'ospedale "Civico"

Una veduta dell'ospedale "Civico"

Venne massacrata a colpi di spranga, 50enne operata al viso

I medici di Maxillo facciale dell'ospedale "Civico" di Palermo stanno provando a salvare la cinquantenne che è stata aggredita e rapinata da tre minorenni accusati anche di tentato omicidio

E’ stata sottoposta, ieri, ad un delicato intervento chirurgico la cinquantenne che è stata rapinata e selvaggiamente picchiata lo scorso 2 dicembre in via Boccerie, nel centro storico di Agrigento. I medici del reparto Maxillo facciale dell’ospedale “Civico” di Palermo, dove la donna è stata trasferita e ricoverata, hanno tentato – ieri mattina  – di provare a ridurre le tantissime fratture al volto che la donna ha riportato. La cinquantenne – secondo quanto è stato accertato dai poliziotti della sezione Volanti della Questura di Agrigento – sarebbe stata colpita, con violenza inaudita, al volto e alla testa con una spranga di ferro. All’ospedale “San Giovanni di Dio” - dove la donna era stata trasportata in codice “rosso” e dove è stata stabilizzata subito dopo la violenta aggressione – sono riusciti a trovare una struttura sanitaria meglio attrezzata per il tipo di traumi e le fratture multiple che la cinquantenne ha riportato. Ecco, dunque, che, negli scorsi giorni, è stata trasferita al “Civico” di Palermo e ieri è stata sottoposta alla delicata operazione. La donna pare che rischiasse anche di perdere un occhio.

Delle indagini, dopo essere intervenuti in via Boccerie, si sono occupati i poliziotti della sezione Volanti che hanno identificato e denunciato tre minorenni. Ai tre giovanissimi – dovrebbero avere dai 16 ai 17 anni – è stata contestata anche l’accusa di tentato omicidio, oltre a quella di rapina. Perché è certo anche che i tre siano riusciti – stando all’accusa – ad impossessarsi di un certa somma di denaro. Del fascicolo d’inchiesta si sta, naturalmente, occupando un magistrato della Procura dei minorenni presso il tribunale di Palermo. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento