Sacerdote interviene per sedare rissa e viene preso a pugni, in due chiedono la messa alla prova

Don Mario Sorce sentì il fracasso da un bar, dove un gruppo di sette persone stava devastando arredi e vetrate, e intervenne per riportare la calma

Don Mario Sorce

Sono due gli imputati, su sette, accusati di avere devastato un bar e picchiato il sacerdote che aveva provato a sedare gli animi, a chiedere la cosiddetta “messa alla prova”, un istituto che prevede l’estinzione del reato a conclusione di un periodo di attività lavorativa di natura sociale e non retribuita. Il giudice Andrea Terranova, davanti al quale si celebra il processo, non si è ancora pronunciato e prima bisognerà pure sentire lo stesso sacerdote e le altre persone aggredite per valutare la loro disponibilità ad accettare il risarcimento del danno. Il prossimo passaggio in aula è stato fissato per il 20 dicembre.

L’episodio al centro della vicenda è avvenuto il 19 febbraio del 2014. Il gruppo di sette giovani, per ragioni mai chiarite, avrebbe preso di mira un bar del Quadrivio Spinasanta aggredendo selvaggiamente il fratello del titolare e una donna che era all'interno. Entrambi furono presi a calci e pugni. L’uomo, in particolare, riportò un grave trauma facciale con una prognosi di trenta giorni. Contusioni varie per la donna che se la cavò con cinque giorni. Il bar, però, fu devastato: gli aggressori avrebbero infatti distrutto sedie, vetrate e altri oggetti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Don Mario Sorce, parroco del Quadrivio Spinasanta, sentì le grida dal suo ufficio e scese per calmare gli animi venendo, invece, a sua volta picchiato. Gli imputati sono: Giuseppe Contrino, 34 anni; Nizan Bhiri, 33 anni; Salvatore Capraro, 30 anni; Silvestre Giovanni Russo, 29 anni; Stefano Davide Burgio, 35 anni; Angelo Caparezza, 24 anni; e Gabriele Minio, 30 anni; tutti di Agrigento. Agli imputati vengono contestati i reati di danneggiamento e lesioni aggravate. I difensori (nel collegio gli avvocati Daniele Re, Fabio Inglima Modica, Giovanni Gallo Afflitto, Carmelita Danile, Salvatore Bruccoleri, Francesco Tedesco e Giovanni Trupia), prima dell’eventuale apertura del dibattimento, potranno chiedere il giudizio abbreviato o il patteggiamento. Nel frattempo, dopo Contrino, ieri ha chiesto la “messa alla prova” anche Burgio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vendesi villa da sogno", casa Modugno a Lampedusa potrà essere acquistata

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • A 214 km orari sulla statale 640, raffica di multe per l'elevata velocità e per uso del cellulare

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona e tamponi positivi anche a Licata

  • Emergenza Covid-19: diagnosticati 7 nuovi contagi ad Aragona che è a 16 casi: positivi anche ad Agrigento e Sciacca

  • Boom di contagi da Covid-19 ad Aragona, i genitori: "Prima la salute dei nostri figli, scuole chiuse subito"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento