rotate-mobile
Lunedì, 8 Agosto 2022
Le restrizioni / Sciacca

Aumento dei contagi Covid e crisi energetica: la festa di San Pietro fortemente rimaneggiata

Niente degustazioni, annullata la tradizionale “Ntinna a mare” e non ci saranno neanche i giochi pirotecnici. Ci si dovrà accontentare della processione

Sarà una festa di San Pietro rimaneggiata quella che si svolgerà a Sciacca questo fine settimana. Anche se proprio alcuni appuntamenti tradizionali non saranno possibili a causa dell’aumento dei contagi da Covid-19. Dunque il programma è stato rivisti ma non solo a causa della pandemia non completamente debellata ma anche per alcuni problemi di natura organizzativa. Eliminati dal programma la “padellata”, i giochi di quartiere e soprattutto la “Ntinna a mare”, quest’ultima colpita dal caro gasolio che ha messo in ginocchio tutti coloro che lavorano a bordo delle imbarcazioni.

E non ci saranno neanche i giochi pirotecnici. Ma per quelli non c’entrano nè la pandemia nè la crisi energetica: mancano le autorizzazioni da parte del demanio. Insomma quest’anno ci si dovrà accontentare della semplice processione.

La festa di San Pietro a Sciacca celebra il protettore dei pescatori con le funzioni religiose e la tradizionale Sagra del mare che coinvolge l’antico quartiere della Marina di cui il santo è protettore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aumento dei contagi Covid e crisi energetica: la festa di San Pietro fortemente rimaneggiata

AgrigentoNotizie è in caricamento