menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rende, la società: "Rispetto e correttezza nostra missione di vita"

Dopo le accuse del patron del Licata, Giuseppe Deni, la dirigenza cosentina si difende. Un lungo comunicato stampa di risposta è stato emesso in mattinata

Dopo le parole del presidente del Licata, Giuseppe Deni, interviene tramite comunicato stampa la società del Rende. Il patron del Licata, aveva accusato la dirigenza biancorossa di aver tentato una combine.

Il Rende si difende così: "La società Rende respinge fermamente l'accusa di combine avanzata da Giuseppe Deni, presidente del Licata, e sottolinea l'integrità morale e sportiva di tutti i propri tesserati. Le affermazioni - spiegano nel comunicato stampa - del primo dirigente del Licata ledono sia l'immagine sportiva del Rende sia l'immagine etica di una Società che negli anni ha fatto della correttezza, del rispetto una missione di vita".

"La Ss Rende si dichiara sorpresa ed offesa della leggerezza delle accuse avanzate nel post partita dal presidente del Licata, esortandolo - continuano - ad essere più attento e più pacato nelle proprie esternazioni, essendo la società Rende sinonimo di correttezza evitando così di denigrare il lavoro e i sacrifici quotidiani degli stessi dirigenti biancorossi. Contestando fermamente le dichiarazioni del sig. Deni che ha buttato del fango gratuito sull'integrità morale dei dirigenti rendesi si sottolinea come sarebbe stato opportuno, eventualmente, denunciare subito tali nefandezze qualificando il presunto interlocutore. Altresì - ammettono nel comunicato - il Rende si dichiara disponibile a qualsiasi forma di collaborazione con la giustizia sportiva al fine di continuare a garantire la grande trasparenza e il valore di lealtà sportiva che da sempre ne fanno una Società senza macchia e si riserva di tutelare la propria immagine e la società nelle sedi opportune".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento