menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Campionato regionale architetti, gli agrigentini volano in finale

La rete al 20esimo del primo tempo da parte del centravanti Giuseppe Vivacqua, che approfitta di un errore della difesa messinese per insaccare, dopo aver superato anche il portiere

Con una vittoria di misura, ma di carattere gli architetti agrigentini superano il Messina (1-0) e volano in finale. La rete al 20esimo del primo tempo da parte del centravanti Giuseppe Vivacqua, che approfitta di un errore della difesa messinese per insaccare, dopo aver superato anche il portiere.
 
Il Messina non ci sta ed incrementa le azioni in attacco, ma sono gli agrigentini a sfiorare il raddoppio in più occasioni. Clamoroso, poi, il rigore negato all’inizio di ripresa a Carmelo Niesi che solo davanti al portiere viene atterrato, ma l’arbitro lo ammonisce per presunta simulazione. Mentre i giocatori agrigentini chiedono spiegazione per l’incredibile decisione, il Messina si porta in avanti e sfiora il gol del pareggio.
 
Da quel momento, l’incontro è segnato dal nervosismo (vista la posta in palio), da tante ammonizioni e perfino dall’espulsione di Carmelo Alletto, reo di aver reagito all’ennesimo fallo da dietro.
 
“La partita, come pensavamo, è stata dura e difficile – spiega l’allenatore-giocatore Giuseppe Grimaldi - i colleghi del Messina auspicavano ad una rivincita dopo la sconfitta della scorsa settimana, ma la tattica messa in campo dalla nostra squadra ha reso vane tutte le loro azioni. Adesso pensiamo alla finalissima, alla quale ci presentiamo con diverse assenze tra infortuni e squalifiche”. 
 
Nel match successivo il Trapani si è imposto sul Catania per 2-1, quindi gli architetti agrigentini sfideranno i colleghi trapanesi domenica 3 giugno, per decidere la squadra campione regionale La formazione che scenderà in campo domani sarà così composta: 1) Gianvito D’Amico; 2) Vincenzo Lalomia; 3) Benedetto Vella; 4) Steve Galvano; 5) Lillo Mancuso; 6) Daniele Gucciardo; 7) Carmelo Niesi; 8) Giuseppe Grimaldi; 9) Michelangelo Lo Buglio; 10) Giuseppe Vivacqua; 11) Nando Iudici.
 
“Dovremmo fare a meno di alcuni pilastri fondamentali della nostra squadra - spiega ancora il coach Grimaldi - mancheranno, infatti, il capitano Franco Romano, il centrocampista Carmelo Alletto e il difensore Calogero Maniglia”. Nella regular season gli architetti agrigentini hanno battuto i colleghi trapanesi 3-2, ma il precedente più interessante è quello dell’ultima finale giocata contro il Trapani nel 2000 con la vittoria di Agrigento per 1-0 con rete di Nando Iudici. In casa Agrigentina si spera per il bis.
 
“Il Trapani è una delle squadre più forti del campionato – ha concluso Grimaldi - ogni volta che l’abbiamo incontrata, l’abbiamo battuta, ma rimane, per noi , la squadra più completa e con un gioco decisamente di categoria superiore. Se siamo riusciti a chiudere positivamente i nostri incontri è perché abbiamo tenuta alta la concentrazione. Questo sarà quello che chiederò ai ragazzi prima di scendere in campo”.
 
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento