rotate-mobile
Lunedì, 15 Aprile 2024
Calcio

Akragas, Terranova categorico: "Non voglio più sentire parlare di primato in classifica, conterà essere primi solo alla fine"

Il tecnico biancazzurro, che con la vittoria di ieri e il contestuale pareggio di Enna in casa ha riconquistato la vetta della classifica in condominio proprio con i gialloverdi, non vuole sentire parlare di prima posizione: "Forse qualcuno si era convinto che questo campionato potesse essere vinto agevolmente dall'Akragas, ma io sin dall'inizio ho detto sempre che il torneo si deciderà al rush finale"

"Faccio i complimenti alla Pro Favara, al suo allenatore e ai tifosi: un pubblico importante, difficilmente si vedono questi contesti in Eccellenza. La gara è stata decisa da un episodio, come avevo previsto alla vigilia".

Così Nicolò Terranova, allenatore dell'Akragas, ha commentato il successo dei suoi nel derby contro la Pro Favara, allo stadio Bruccoleri: "Si sono affrontate due squadre organizzate, preparate e ben messe in campo. Il tema tattico da parte loro era chiaro - ha detto Terranova - con i cambi gioco per La Piana e le rotazioni sulle fasce. Non parlo degli episodi arbitrali, mai: credo però che sull'occasione del presunto rigore per la Pro Favara il mio portiere abbia anticipato nettamente l'attaccante. Siamo riusciti a fare in campo tutto quello che avevamo preparato in settimana, abbiamo sofferto il giusto. Non voglio sentire più parlare di testa della classifica sino alla fine, noi dobbiamo starci all'ultima giornata: forse qualcuno si era convinto che questo campionato potesse essere vinto agevolmente dall'Akragas, ma io sin dall'inizio ho detto sempre che il torneo si deciderà al rush finale. Le scelte di oggi con i giovani? Avevamo quattro assenze di rilievo, non è stato semplice oggi mettere in campo un undici titolare". 

Ieri il capitano Alfonso Cipolla ha festeggiato nel migliore dei modi le cento presenze con la maglia dell’Akragas: "La posta in palio era troppo importante - ha detto il capitano - avevamo preparato bene la gara e credo si sia visto. Credo sia una vittoria fondamentale per noi, per affrontare con fiducia il prosieguo del campionato. Dedico la vittoria di questo derby ai tifosi dell'Akragas, festeggiare le cento presenze con questa maglia con questo successo mi riempie di orgoglio". 

Nel match di ieri è tornato in campo Cristian Caccetta, dopo lo stop: "Con questo successo torniamo in vetta insieme ad Enna - ha detto Caccetta - diciamo che da ora in poi anche noi possiamo essere padroni del nostro destino. La gara è andata come ci aspettavamo, loro hanno fatto una grande partita: è stato un derby avvincente, l'episodio ha premiato noi e portiamo a casa una vittoria preziosissima". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Akragas, Terranova categorico: "Non voglio più sentire parlare di primato in classifica, conterà essere primi solo alla fine"

AgrigentoNotizie è in caricamento