Giornata Mondiale dell’infermiere 2020 e l’omaggio di Banksy

Il 12 maggio si celebra la Giornata Mondiale dell'Infermiere, che quest'anno è dedicata ai 200 anni dalla nascita di Florence Nightignale, fondatrice dell'infermieristica moderna, oltre ad essere anche l'Anno mondiale dell’Infermiere.

Mai come quest’anno il 12 Maggio è una giornata da celebrare e ricordare; questa ricorrenza da ora in poi ci rievocherà le emozioni che abbiamo vissuto negli ultimi mesi e il duro lavoro e l’impegno che questa categoria ha profuso in un periodo terribile come quello che stiamo vivendo a livello mondiale.

Da quest’anno in poi la nostra gratitudine per chi ha messo a rischio la propria vita per affrontare l’emergenza da coronavirus sarà ancora più alta; sono stati circa 12 mila gli infermieri contagiati dal covid-19, e 39 i deceduti. Sono stati e sono tutt’ora in prima linea negli ospedali per assistere i pazienti accanto ai medici, senza orari, troppo spesso senza ricevere adeguate protezioni. L’emergenza Coronavirus ha messo sotto gli occhi di tutti l’estrema cura che questi professionisti dedicano al proprio lavoro che, tra gli altri valori, ha anche quello di poter essere un ponte diretto tra il paziente, la famiglia e personale medico.

Ma perché proprio il 12 maggio si celebrano gli angeli delle corsie ospedaliere? Ecco tutto quello che c’è da sapere su questa giornata.

La giornata di oggi è dedicata ai 200 anni dalla nascita di Florence Nightignale, fondatrice dell’infermieristica moderna, che diceva: “L’infermieristica non è semplicemente tecnica, ma un sapere che coinvolge anima, mente e immaginazione. Mai una citazione è stata più appropriata come adesso.

Ma questo è anche il giorno più importante dell’Anno dell’infermiere proclamato dall’OMS.

E in questo duecentesimo anniversario della Giornata Mondiale dell’Infermiere, chi se non lo street artist più famoso al mondo, Banksy poteva omaggiarli di un opera ritraendoli come i nuovi super eroi. L’artista di Bristol, che meno di un mese fa ci aveva regalato la sua libera interpretazione del lockdown e della quarantena, ha ripreso la matita in mano e il 7 Maggio scorso ha donato l’opera all’ospedale di Southampton, dedicandola proprio alle infermiere e agli infermieri. Il disegno interamente in bianco e nero, ha come unica nota di colore la croce rossa sul petto dell’infermiera.

Il quadro resterà esposto in ospedale fino al prossimo autunno e poi sarà venduto per beneficienza. Si intitola “Game Changer” e rappresenta un bambino che lascia nel cesto dei giocattoli Batman e l’Uomo Ragno per scegliere un nuovo supereroe: un’infermiera con il grembiule della Croce Rossa, la mascherina e un mantello che insieme al braccio alzato ricordano Superman.

Banksy ha accompagnato l’opera con questa dedica, a cui tutto il mondo si associa: “Grazie per tutto quello che fate. Spero illumini un po’ il posto, sebbene sia solo in bianco e nero".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, il bollettino dell'Asp: 88 nuovi positivi, 6 ricoverati e 2 vittime

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento