Via Unità d'Italia nel degrado, interrogazione di Sollano e Nobile

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

I consiglieri comunali di opposizione di  Agrigento Alessandro Sollano e Teresa Nobile interrogano l’Amministrazione Firetto sulla situazione de facto della zona nord della città e precisamente via Unità di  Italia che versa in condizioni pietose.

Gli stessi consiglieri raccontano che su segnalazione di alcuni cittadini, hanno fatto un giro in via Unità d’Italia, zona molto trafficata, della Città di Agrigento. Senza tanto stupore hanno potuto osservare come a due passi dalle attività commerciali, ai piedi della vecchia fontana, risulta esservi una vera discarica, dove è possibile  trovare di tutto, dalla plastica al vetro e tanto altro ancora.

Tutto ciò è mortificante, oltre ad essere dannoso sia per chi vi lavora che per chi si trova a passare. È evidente che si è perso il controllo della situazione, la gente deposita i propri rifiuti in modo incontrollato su strade, su  aree pubbliche e private, in centro Città e nelle periferie.

 La gente è esausta, il cittadino diligente  si impegna ma allo stesso tempo  pretende e merita una Città più pulita, una Città che lo rappresenti.

Pertanto, per quanto sopra descritto,  chiediono all’amministrazione di verificare lo stato di fatto e predisporre un  intervento urgente facendo  bonificare l’ area interessata e restituire finalmente  tale spazio alla Città, riconsegnando un angolo per tanto tempo offeso e abbandonato, uno spazio che invece andava valorizzato anche per la presenza della grande fontana che oggi giace in condizioni di forte degrado. 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento