Turismo termale, Giuffrida (Cambiamo!): “L’Inail valuta la proposta di acquisto delle terme di Acireale e Sciacca”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

“Dopo tanti anni di cattiva gestione, che ha procurato ingenti debiti e forti perdite alle casse regionali, il governo Musumeci sembra aver imboccato la strada giusta per la valorizzazione di due gioielli del termalismo siciliano”. Lo dice Salvo Giuffrida, coordinatore regionale di Cambiamo. “E’ di questi giorni la notizia che la conferenza Stato Regioni ha approvato la proposta del gruppo tecnico di assistenza territoriale della commissione salute e di Federfarma. Un passaggio fondamentale per sottoporre all’Inail l’opportunità di valutare l’acquisto, così come previsto dalla legge di stabilità del 2019. Confidiamo fortemente nella riuscita di tale iniziativa. Da anni – spiega Giuffrida - seguo da vicino la vicenda, prima come dirigente del servizio turismo di Taormina e poi in qualità di deputato regionale. Solo così il turismo termale siciliano potrà decollare definitivamente, ponendo fine ai gravi errori commessi in passato dalla politica regionale e locale. Nei giorni scorsi – prosegue Giuffrida – ne ho parlato con Giovanni Toti, vice presidente della Conferenza delle Regioni, sollecitandolo ad accelerare le procedure. Da Toti ho avuto piena disponibilità. Con l’acquisizione da parte dell’Inail avremmo la garanzia di una gestione affidabile che svilupperà l’attività dei due centri di eccellenza del turismo termale siciliano, attraendo notevoli flussi turistici di settore. Le città di Acireale e Sciacca per la loro storia, per i palazzi, le chiese e il mare saranno fortemente competitive con altre rinomate località termali italiane”.

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento