Mercoledì, 19 Maggio 2021
Politica

Riforma della pubblica amministrazione, Rosalba Cimino presenta tre emendamenti

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Sulla riforma riguardante la Pubblica amministrazione presentata dal ministro Renato Brunetta, il deputato del Movimento 5 Stelle, Rosalba Cimino ha presentato tre emendamenti per un miglioramento del testo. Cimino ha chiesto la soppressione del comma che prevede nei concorsi della pubblica amministrazione per i ruoli generici e non dirigenziali la valutazione di ulteriori titoli di cultura e titoli di servizio, in quanto sarebbe discriminatoria nei confronti della maggior parte dei candidati. La deputata del Movimento 5 Stelle chiede inoltre che non venga eliminata la preselezione, rifacendosi al modello Epso, che non richiede ulteriori titoli di studio oltre al titolo di accesso per il reclutamento di personale non dirigenziale e tre prove, tra cui un test con quiz che invece verrebbe eliminato nella bozza presentata dal ministro che vuole sostituirla con la sola valutazione dei titoli. “Ben venga la digitalizzazione e il decentramento dei concorsi che renderanno questi sicuramente più celeri– ha spiegato Cimino – ma bisogna allo stesso garantire i principi di buon andamento, efficienza e imparzialità della Pubblica amministrazione”. Cimino ha poi proposto un emendamento aggiuntivo per aggiungere al termine della procedura concorsuale, per i vincitori, un periodo di formazione di 12/24 mesi, retribuito. Le proposte sono volte a perseguire la via inaugurata con il progetto Ripam, descritto nella legge 56/2019 sulla riforma della pubblica amministrazione: “Questo impianto normativo è rispettoso del principio del Favor partecipationis volto a includere quante più persone nei concorsi pubblici – spiega Rosalba Cimino – inoltre bisogna proteggere l’irrinunciabile valore dell’inclusione, corollario del principio di uguaglianza dell’articolo 3 della Costituzione. Questo impianto proposto inoltre – aggiunge la deputata del Movimento 5 Stelle – porterebbe a ricorsi che minerebbero la celerità dei concorsi”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riforma della pubblica amministrazione, Rosalba Cimino presenta tre emendamenti

AgrigentoNotizie è in caricamento