"Il Cristo nero", video realizzato all'Eremo di Santo Stefano per i "Malarazza 100% terrone"

La band siciliana ha lanciato l’ultimo lavoro musicale che sarà uno dei cavalli di battaglia del prossimo tour estivo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

“Il Cristo nero” è l’ultimo lavoro musicale dei “Malarazza 100% Terrone” che si preparano al nuovo tour estivo. Il lancio del nuovo brano è avvenuto alla fine dell’anno con un video girato in una location di eccezione qual è l’Eremo di Santa Rosalia a Santo Stefano Quisquina. Anche questo brano rimane nel solco che la band ha tracciato negli ultimi anni con melodie coinvolgenti, sonorità tipiche siciliane trasmesse in chiave moderna e tanto coinvolgimento del sentimento umano attraverso messaggi di alto valore etico e sociale, la narrazione di tradizioni popolari e di leggende.

I "Malarazza 100% Terrone” sono ormai una presenza indiscussa nel panorama musicale siciliano e non solo. Con il brano “Zio Pino”, omaggio alla figura di don Pino Puglisi, la loro musica si è fatta strada anche fuori le mura della Sicilia. Il loro stile musicale, nonostante il gruppo nasce nel 2005, inizia a delinearsi nel 2012 allineandosi al folk-rock siciliano. Da quel momento vedono la luce tanti progetti e tanti brani compreso Zio Pino nel 2014. A fine dicembre 2015 la band presenta “D’amuri e di passiuni”, un brano nato da una vecchia leggenda popolare sulla Sicilia. L’anno dopo nel 2016, esce la videoclip dal titolo “Il poeta di Girgenti”, in omaggio a Luigi Pirandello, che viene premiata in occasione del 150° anno dalla nascita dello scrittore. Dopo la pubblicazione di altri singoli come “Don Turì” e “Lu so Cori Canta”, il 1° maggio 2018 la band presenta il primo album dal titolo “Sciatu” e lo scorso dicembre la composizione “Il Cristo nero”. Il brano, scritto e musicato da Salvatore Alessi, viene rappresentato, con la regia di Filippo Arlotta, da una processione che porta sulla vara un ragazzo di colore, il cristo nero, ripercorrendo, in chiave allegorica, vari significati legati alla tradizione centenaria del culto dei santi neri che hanno radici storiche diverse. Il “Cristo nero” dei Malarazza deriva sicuramente dalla tradizione spagnoleggiante come testimonia il genere flamenco, tipico della spagna, presente nel brano. Un pezzo che mostra anche una società fatta di simboli, credenze e persone, in molti casi, abbandonate al loro destino. Elementi che si legano tra loro attraverso una lettura attenta e accurata che, in maniera sconvolgente, conferma il vero messaggio di Cristo: ultimo tra gli ultimi. Un viaggio che porta con se i colori di una tradizione e le cicatrici di chi lo ha percorso. Un tema delicato che la band ha voluto anche rappresentare attraverso il video consapevole e cosciente che l’arte e la musica non deve avere paura di esprimersi. “Il Cristo Nero” sarà uno dei cavalli di battaglia del tour estivo dei “I Malarazza 100% Terrone” prodotti dall’ASC Production. www.ascproduction.it La band è composta da Piero Sciacchitano (voce/chitarra acustica), Salvatore Alessi (cori/chitarre, violino), Giulio Esposto (cori/basso elettrico), Giuseppe Amormino (Fisarmonica), Carmelo Traina (voce e percussione) e Sebastiano Valenza (batteria). 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento