Scadenze fiscali, nessun rinvio: luglio amaro per professionisti e partite Iva

Per rinviare di nuovo il pagamento delle imposte sarebbero serviti più di 8 miliardi di euro

Nessun rinvio sulle scadenze fiscali di luglio. Il 20 luglio molti contribuenti dovranno mettere mano al portafogli.  Scattano infatti i pagamenti per l’imposta di bollo sulle fatture elettroniche emesse nel 2° trimestre per importi superiori a 1.000 euro, il diritto annuale alla Camera di Commercio, i versamenti IVA, IRAP e IRPEF. E ancora: versamento saldo 2019 e primo acconto 2020 della cedolare secca così come dell’IRES. E il 30 luglio e il 31 luglio si replica. Ci sarà da pagare il versamento, con la maggiorazione dello 0,40 per cento a titolo di interesse, di saldo e primo acconto per i contribuenti con 730 senza sostituto d’imposta o con modello Redditi. Oltre a varie altre imposte (qui il calendario delle scadenze con tutti i dettagli). 

Insomma, sarà un fine luglio decisamente caldo per i contribuenti. Il governo ha alla fine respinto la richiesta, arrivata da più fronti, di rinviare ulteriormente il pagamento dopo la proroga concessa a giugno per venire incontro agli autonomi. Per un ulteriore rinvio sarebbero serviti più di 8 miliardi di euro, soldi che lo Stato in questo momento non ha.

Proteste veementi dall’opposizione: "Mentre il governo pensa alle poltrone – scrive la deputata di Forza Italia Mariastella Gelmini - , gli italiani fanno i salti mortali per rispettare le 240 scadenze fiscali da pagare entro lunedì. Ma imprenditori, professionisti, partite Iva non sono un bancomat, soprattutto dopo mesi di lockdown: perché non rinviare tutto a fine anno?". Per Salvini “chi non paga le tasse entro il 20 luglio (ad esempio 4 milioni di Partite Iva) rischia una multa pesante. Ma al governo si sono rimbambiti?".

All’attacco dell’esecutivo anche Fratelli d’Italia. Il deputato Fabio Rampelli sintetizza così la questione: "La notizia del governo che ha chiuso all'ipotesi di un ulteriore rinvio delle tasse per le partite Iva, rischia di mettere in ginocchio piccole e medie imprese che, tra saldi e acconti, si ritroveranno a dover pagare inaspettatamente quelle scadenze fiscali che l'esecutivo aveva promesso di posticipare. Invece di prorogare i termini ed aiutare il tessuto produttivo a risollevarsi il premier Conte e il ministro Gualtieri voltano le spalle a professionisti e artigiani. Una retromarcia imbarazzante". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il crack del gruppo Pelonero, Patronaggio: "Così la famiglia ha fatto sparire milioni di euro da un’azienda all’altra"

  • Operazione "Malebranche", colpito il gruppo Pelonero: 13 misure cautelari

  • Primo caso di Covid a San Giovanni Gemini: è uno studente che è stato in Lombardia

  • "Società aperte con capitale irrisorio, impennata con volume di affari milionario e tracollo pilotato": ecco il sistema "Pelonero"

  • Valle dei Templi gratis per tutti, gli arancini di Camilleri ed il Jazz: ecco il week end

  • Scontro fra due vetture alle porte di Canicattì, muore 64enne: automobilista arrestato per omicidio stradale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento