Gal Sicilia centro meridionale, investimenti per attività extra-agricole: oltre 2 milioni di euro di richieste

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Il Gruppo Azione Locale “Sicilia Centro Meridionale” ha pubblicato il Bando sulla Misura 6.4c “Investimenti per la creazione e lo sviluppo di attività extra-agricole - “Sostegno per la creazione o sviluppo di imprese extra agricole nei settori del commercio, artigianale, turistico, dei servizi e dell’innovazione tecnologica” Ambito 1 "Sviluppo e innovazione delle filiere e dei sistemi produttivi locali (agro-alimentari, forestali, artigianali e manifatturieri)" con scadenza il 20 febbraio. A fronte di una disponibilità finanziaria complessiva messa a bando di € 700.000,00 e una contribuzione massima per singola iniziativa di € 100.000,00 oltre il 25% di capitale proprio e l'IVA nelle misure di legge, sono state presentate 13 domande per un importo complessivo di investimenti di € 1.971.243,82, IVA compresa, per un totale di contributi richiesti pari a € 1.265.932,30, superiore dunque di € 565.932,30 alle somme complessive messe a bando.

Purtroppo, a seguito delle restrizioni sopraggiunte a causa del Coronavirus, la commissione di valutazione dei programmi d'investimento non ha potuto ancora avviare l'esame di ricevibilità e ammissibilità delle domande, propedeutico all'emissione dei decreti di finanziamento e alla successiva attuazione delle iniziative imprenditoriali entro 28 mesi dall'emissione di tale decreto. La Commissione di Valutazione, della quale l'Assessorato dell'Agricoltura su richiesta del GAL SCM ha già nominato due componenti: Carmelo Rinoldo, Dirigente U.O. S6.11 UIA di Canicattì e Gaspare Patti, funzionario direttivo dell'Ispettorato dell'Agricoltura di Agrigento, dovrebbe avviare l'esame di valutazione subito dopo il 3 Maggio, compatibilmente alle nuove direttive che verranno emanate dal Presidente del Consiglio dei Ministri e dal Presidente della Regione Siciliana. Visto il successo delle domande presentate, quasi il doppio di quelle che possono essere ammesse a contributo, il direttore del Gal Scm l’architetto Olindo Terrana, qualora tutte fossero ritenute ammissibili su quali possibilità avrebbero gli eventuali esclusi afferma: “il consiglio di amministrazione del GAL SCM di concerto con l'ufficio di piano predisporrà una variante al Piano di Azione Locale Distretto Rurale Sicilia Centro Meridionale per esaudire tutte le richieste ammesse a finanziamento”. Del Gal Scm fanno parte 13 comuni della provincia di Agrigento: Canicattì, Castrofilippo, Camastra, Comitini, Campobello di Licata, Favara, Grotte, Licata, Lampedusa e Linosa, Naro, Palma di Montechiaro, Racalmuto e Ravanusa.

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento