Mangiacavallo: "Le imprese sono in ginocchio dalla gestione Covid 19, vanno risarcite"

LE IMPRESE MESSE IN GINOCCHIO DALLA GESTIONE COVID-19 NON VANNO RISTORATE MA RISARCITE”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Gli imprenditori non ce la fanno più e ieri, venerdì 26 marzo 2021, è stato un giorno di protesta, l'ennesimo, dopo quelli già registrati anche sul territorio siciliano durante la settimana in corso e quella precedente. Tassisti, commercianti, ambulanti e partite iva hanno messo in atto una manifestazione nazionale, in diverse città italiane, contro le misure messe in campo dal governo Draghi. Le aziende chiedono il risarcimento dei danni subiti, dovuti alle chiusure e alle restrizioni anti contagio. Sul tema interviene il deputato regionale Matteo Mangiacavallo.

“Da un anno a questa parte, le piccole e medie imprese stanno pagando il prezzo più alto della crisi economica generata dalla gestione della pandemia COVID-19 – dichiara Matteo Mangiacavallo - e tutto questo non è ammissibile. In senso più generale, lo Stato, che impone misure restrittive per limitare i contagi da questo virus, dovrebbe altresì mettere in atto, contestualmente, azioni di contenimento per prevenire le potenziali conseguenze, soprattutto economiche, oltre che sociali, di questi provvedimenti. Tutto ciò non è avvenuto e non sta avvenendo”. 

“Sul piatto della bilancia – continua Mangiacavallo - pesa molto di più la crisi di numerosi settori che, oggi come in passato, rappresentano l'asse portante dell'economia italiana e siciliana. Il settore turistico, ad esempio, è totalmente al collasso. E con esso stanno soffrendo più di chiunque altro gli imprenditori del settore della ristorazione, delle arti, delle attività ricettive, della cultura, dello sport, del commercio. Non si possono bilanciare le perdite subite da numerose partite iva continuando ad elargire loro elemosine proposte sotto il nome di ristori. Le tasse sono state soltanto sospese e non cancellate, gli affitti e le altre spese, compresi gli investimenti per affrontare la pandemia, non sono stati nemmeno considerati”.

“Lo Stato – afferma il deputato saccense – invece che proporre ristori, mai elargiti puntualmente, dovrebbe risarcire per intero gli investimenti economici affrontati da queste aziende durante tutto il periodo di lockdown e chiusure forzate, nonchè buona parte dei mancati guadagni, calcolati sulla media degli esercizi finanziari precedenti, al netto dei miseri ristori già ottenuti. Solo così è possibile salvarli e salvare l'intera economia del Paese. Presto, di questo passo, non sarà neppure possibile pagare gli stipendi”. 

“Se non si interviene subito con uno shock amministrativo ed economico – conclude Matteo Mangiacavallo - pari a quello generato con la gestione della pandemia, sarà difficile contenere un prevedibile scontro sociale di cui ne stiamo avvertendo le avvisaglie in questi giorni. La Politica, tutta, deve avere il compito, fin da subito, di indirizzare il dissenso di questi giorni verso forme di protesta che non può essere repressa e che non deve mai diventare violenta”.

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento