menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bottigliata in faccia ad un 19enne: il giovane finisce in ospedale, denunciato 25enne

L'immigrato – temporaneamente ospite della struttura d'accoglienza "La mano di Francesco" - dovrà rispondere dell’ipotesi di reato di lesioni personali

Ubriaco, aggredisce con una bottiglia un connazionale. Il diciannovenne tunisino finisce al pronto soccorso dell’ospedale “San Giovanni di Dio” dove i medici gli riscontrano abrasioni e lesioni al volto e diagnosticano 15 giorni per la guarigione. I carabinieri della stazione del Villaggio Mosè, dopo aver raccolto la denuncia del ferito, identificano e denunciano, in stato di libertà, alla Procura della Repubblica di Agrigento un venticinquenne ospite della comunità di accoglienza “La mano di Francesco”. Il giovane immigrato – temporaneamente ospite della struttura del rione commerciale - dovrà rispondere, adesso, dell’ipotesi di reato di lesioni personali.

Tutto è accaduto, nei giorni scorsi, lungo viale Cannatello. Il venticinquenne, fortemente ubriaco, ha aggredito – non è affatto chiaro, ammesso che possa esservene una, per quale motivazione – il connazionale che è domiciliato proprio al Villaggio Mosè.

L’aggressione è avvenuta - stando all’accusa – a colpi di bottiglia e, inevitabilmente, la vittima è rimasta, e anche seriamente, ferita al volto. I carabinieri della stazione del Villaggio Mosè hanno avvisato dell’episodio la Procura della Repubblica e subito, senza perder tempo, hanno proceduto, identificando e deferendo – per lesioni personali – l’autore dell’aggressione, ossia il diciannovenne tunisino ospite della comunità d’accoglienza. Resta da capire, ma verosimilmente tutto è dipeso dallo stato d’ebbrezza dell’aggressore, per quale motivo sia maturata l’aggressione. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento