rotate-mobile
Viabilità

Viadotto Akragas ancora incompleto dopo quasi 7 anni, l’appello del Codacons: “Il Comune batta un colpo”

L’importante tratto viario è attualmente percorribile solo a metà e i lavori vanno a rilento: dovevano essere completati entro lo scorso febbraio

“Nessuno ne parla più e i lavori vanno a rilento: dovevano essere consegnati a febbraio scorso, almeno così aveva assicurato il consiglio comunale: l’amministrazione agrigentina batta un colpo”. Giuseppe Di Rosa, responsabile regionale del Codacons, lancia un appello al sindaco e a tutto il consiglio comunale: “La grande opera agrigentina - dice - chiusa al traffico regolare da oramai oltre 2259 giorni, quasi 7 anni”.

Di Rosa ricorda alcune “tappe” salienti della vicenda che riguarda il cosiddetto ponte Morandi: “Il 29 giugno 2021 venne riaperto a metà dopo 1.546 giorni. Era stato chiuso per problemi strutturali 4 anni prima. Gli ulteriori controlli hanno certificato i problemi ai piloni sottostanti il ponte, problemi che hanno portato prima alla riduzione della carreggiata a una corsia per senso di marcia, poi alla chiusura. Dopo un lungo dibattito sulla sua riapertura o sull'abbattimento della struttura, acuito dal crollo del suo "gemello" genovese, i lavori hanno portato alla ristrutturazione dei piloni e alla riapertura del viadotto Akragas. Ad annunciare la riapertura era stato il sottosegretario alle infrastrutture Giancarlo Cancelleri che, dopo un incontro in Prefettura, ad Agrigento, si era recato sulla struttura con il sindaco Franco Micciché per un primo giro sul ponte che collega Agrigento a Porto Empedocle. In questo primo momento il viadotto Akragas venne aperto al traffico leggero solo in una carreggiata, la sinistra, con doppio senso di circolazione. I lavori invece continuano sull'altra carreggiata, dove sono state avviate opere per gli impalcati per un investimento di 32 milioni che dovrebbero riportare alla completa riapertura del ponte. Oggi restituiamo serenità e normalità a una città importante come Agrigento - aveva detto Cancelleri - e ripristiniamo la viabilità locale che serve a questo territorio. Finalmente siamo fuori da un isolamento viabile che aveva portato a una circolazione labirintica all'interno della città. Il completamento dei lavori dovrebbe avvenire entro i prossimi nove mesi entro marzo 2022).

Il 10 febbraio 2022, nella nuova seduta in commissione consiliare ai lavori pubblici si è parlato dell'andamento dei lavori di ripristino del viadotto Morandi e il consigliere comunale di Fratelli d'Italia, Fabio La Felice, insieme agli altri consiglieri Nello Hamel, Flavia Contino e Valentina Cirino, ha preannunciato la riapertura totale al traffico entro il febbraio del 2023, quindi un anno da oggi. Nel corso della riunione - dice La Felice - si è fatta una ricognizione delle informazioni acquisite, confermate dall'Assessore al ramo, Gerlando Principato, relative allo stato dei lavori di messa in sicurezza del ponte Morandi che, grazie all'impulso di questa commissione, la scorsa estate è stato riaperto al traffico veicolare leggero dopo oltre 1500 giorni di chiusura.

Abbiamo avuto rassicurazioni da Anas che le restanti opere di ripristino, per le quali sussistono le afferenti coperture finanziarie, verranno completate entro febbraio del 2023, data in cui l'intera arteria stradale verrà restituita al transito e senza limiti di carico. La commissione vigilerà scrupolosamente sul rispetto dei tempi stabiliti per la consegna dell'opera pubblica.

Ed infine oggi 12 giugno 2023, diciamo semplicemente che siamo stanchi di aspettare, di essere una città dove, con la complicità di chi amministra, non si riesce a ripristinare la normalità neppure nel tessuto viario gestito da Anas. Mi rivolgo al sindaco invitandolo a dare notizie agli agrigentini sullo stato dei lavori: dica in quale anno rivedranno percorribile nella sua interezza un viadotto chiuso da oltre 2259 giorni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Viadotto Akragas ancora incompleto dopo quasi 7 anni, l’appello del Codacons: “Il Comune batta un colpo”

AgrigentoNotizie è in caricamento