Domenica, 16 Maggio 2021
Cronaca

"Tentò di uccidere amministratore di condominio", condanna ridotta

La Corte di appello diminuisce la pena (da 4 anni a 3 anni e 10 mesi) per il settantenne Angelo Spataro, accusato di avere accoltellato il professionista che gli aveva notificato un decreto ingiuntivo

Il tribunale di Agrigento

Condanna ridotta di un anno e dieci mesi per il settantenne Angelo Spataro, arrestato il 10 giugno del 2009 con l’accusa di avere accoltellato un amministratore di condominio che gli aveva pignorato 100 euro per un contenzioso legato a una bolletta. La Corte di appello, pronunciandosi dopo un rinvio della Cassazione che aveva accolto alcuni rilievi del difensore, l’avvocato Ignazio Valenza, gli ha riconosciuto l’attenuante del risarcimento alla vittima “come prevalente sulle aggravanti”.

La pena, di conseguenza, è stata diminuita: da 4 anni e 10 mesi a 3 anni. Spataro, secondo la ricostruzione dell’episodio, dopo essersi accorto che dalla sua pensione erano stati pignorati 100 euro per una bolletta idrica che gli si contestava di non avere pagato, avrebbe deciso di vendicarsi contro il geometra Salvatore Graceffa che amministrava il suo condominio. Armato di due coltelli si sarebbe presentato nello studio di Graceffa, in via Mazzini, ad Agrigento, e lo avrebbe aggredito. Poche ore dopo fu arrestato per tentato omicidio e tentata estorsione. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Tentò di uccidere amministratore di condominio", condanna ridotta

AgrigentoNotizie è in caricamento