Naufragio di Lampedusa, sommozzatori al lavoro per recuperare le 12 salme

A coordinare tutte le operazioni è la Procura della Repubblica di Agrigento, con il procuratore aggiunto Salvatore Vella che subito dopo la disgrazia è stato per giorni sull'isola

I sommozzatori della Guardia costiera scenderanno oggi per la prima volta a circa 60 metri di profondità, a sei miglia a Sud dalla costa di Lampedusa, dove è naufragato il barchino carico di migranti. I sommozzatori si trovano, al momento, nella camera iperbarica di Lampedusa.

Al nucleo sommozzatori della Guardia costiera di Messina si uniranno i nuclei di Cagliari e Napoli. Si tenterà, a partire da oggi, il recupero delle 12 salme che sono state individuate, assieme al barchino, ieri, dal Rov della Guardia costiera.

Naufragio di Lampedusa, trovato il barchino: individuati altri dodici cadaveri

A coordinare tutte le operazioni è la Procura della Repubblica di Agrigento, con il procuratore aggiunto Salvatore Vella che subito dopo la disgrazia è stato per giorni e giorni a Lampedusa.

"Ci abbiamo creduto fino alla fine. Il personale della Guardia Costiera di Lampedusa e il Nucleo sommozzatori non ha mollato un solo giorno, nonostante il carico di lavoro ordinario che continua a gravare su Lampedusa". Erano state queste, soltanto ieri, le pearole del procuratore aggiunto di Agrigento, Salvatore Vella. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il "giallo" di Canicattì: sentiti familiari e amici del 28enne morto, ritrovato il furgone

  • Scompare un pastore, scattano perlustrazioni e ricerche: ritrovato morto il 61enne

  • Traffico di cocaina dalla Calabria all'Agrigentino: tredici condanne

  • "Aggredita e derubata da tre minori", 50enne lotta tra la vita e la morte

  • L'asfalto cede ed il camion sprofonda, paura al Villaggio Mosè: intervengono i vigili del fuoco

  • Non c'è pace per i contribuenti morosi: in arrivo altri 24 mila avvisi di pagamento

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento