rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Cronaca Siculiana

"No" al centro d'accoglienza, anche Siculiana parteciperà alla "marcia" su Porto Empedocle

Il sindaco del paese che ha al proprio interno uno dei centri più grandi della provincia: "Anche noi saremo presenti per protestare contro una struttura che ci ha arrecato problemi"

Siculiana, il paese costiero che ha visto la conversione dell'hotel Villa Sikania in uno dei centri d'accoglienza più grandi della provincia, si unisce alla protesta avanzata dai commercianti di Porto Empedocle che si terrà la seconda settimana di settembre, dopo i festeggiamenti di San Calogero. La struttura ha inciso non poco sulla vita del paese, costringendo il sindaco ad emanare delle ordinanze per evitare la vendita di bevande alcoliche ai richiedenti asilo del Villa Sikania e per evitare la loro presenza nelle ore notturne, dopo diverse segnalazioni dei cittadini.

I commercianti pronti a "marciare" su Porto Empedocle 

"Certamente ci uniremo alla protesta - spiega il sindaco Leonardo Lauricella - questa struttura ci ha arrecato non pochi problemi. Anche noi vogliamo dire la nostra sui centri d'accoglienza. Qui la situazione non è più d'emergenza ma è una consuetudine, non si può sostenere un centro d'accoglienza del genere. Dovrebbero essere tre migranti ogni mille abitanti, ma qui i numeri sono diversi. Anche se sono sempre persone diverse, 300 migranti sono sempre qui".

La protesta, organizzata dai commercianti di Porto Empedocle contrari alla nascita del centro d'accoglienza a pochi passi dalla via Roma, prevede una marcia dal Comune al centro d'accoglienza e un sit-in di fronte al Municipio. Dal comitato fanno sapere che la manifestazione non è contro i migranti ma contro il modo di intendere l'accoglienza. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"No" al centro d'accoglienza, anche Siculiana parteciperà alla "marcia" su Porto Empedocle

AgrigentoNotizie è in caricamento