Gestione del servizio idrico, si avvicina il voto sulla risoluzione con Girgenti Acque?

L'assemblea dei sindaci dell'Ati è convocata per il prossimo 25 settembre, i termini della diffida ad adempiere firmata dal legale dell'Assemblea sono già scaduti da tempo

Il tempo delle attese, in un senso o nell'altro, è finito. Il prossimo 25 settembre l'Assemblea territoriale idrica si riunirà per discutere, anche, dell'avvio del percorso di risoluzione con la Girgenti Acque. Dopo che nei mesi scorsi l'Ati aveva deliberato per dare un incarico ad un legale che valutasse eventuali inadempienze del gestore, e che questo aveva imposto dei termini entro i quali il privato avrebbe dovuto dare risposte e adeguare i servizi, adesso è teoricamente giunto il tempo delle decisioni.

I sindaci dovranno valutare le osservazioni del gestore e decidere se avviare, o no,  la risoluzione per inadempienza del contratto che lega la provincia di Agrigento (o almeno, una sua parte) alla società di Marco Campione. La decisione non sarà facile, soprattutto, non sarà scontata.

Del resto erano state associazioni dei cittadini come Intercopa nei giorni scorsi a ritenere "molto sospetto" il silenzio sulla vicenda. "Riteniamo infatti che - scrivevano , nonostante la diffida trasmessa sia stata votata all’unanimità, non tutti i sindaci siano d’accordo sulla risoluzione del contratto. Molto probabilmente, nella convocazione dell’Ati del 25 settembre, i nostri dubbi si manifesteranno in modo evidente".

Intanto è il presidente dell'Assemblea Francesca Valenti a prendere una posizione netta. In un verbale firmato a fine agosto, ma protocollato in pratica il 14 del mese, il sindaco di Sciacca spiegava che "le determinazioni conseguenti (alla diffida ndr) spettino all’Assemblea dei rappresentanti che si esprimerà con appello uninominale", con l'auspicio espresso "che i sindaci, rappresentanti degli interessi dei cittadini, orientino la propria azione verso la gestione pubblica del servizio idrico”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un vero e proprio appello, una chiamata alle armi, che non è chiaro chi sosterrà davvero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo tampone positivo, Agrigento dopo oltre 2 mesi non è più Covid free

  • Bonus vacanze, servirà una "identità digitale" ... e in tanti devono ancora richiederla

  • "No" assembramenti: stop a feste e sale da ballo, ipermercati chiusi le domeniche pomeriggio

  • Lascia i migranti davanti la spiaggia e riprende il largo: bloccato "taxi del mare" e arrestato scafista

  • Nuovo focolaio da Coronavirus? Firetto sbotta: "Agrigento è Covid free da almeno 2 mesi"

  • Neonato muore all'Utin del "San Giovanni di Dio", esposto dei genitori: aperta inchiesta

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento