Scovata un'altra mini serra di marijuana, arrestato un venticinquenne

Al giovane, Antonino Loria, i carabinieri hanno contestato le ipotesi di coltivazione e detenzione di sostanze stupefacenti, furto aggravato ed evasione

Le piante sequestrate a Favara

Scovata un'altra mini serra: sequestrate 14 piante di marijuana, per un peso complessivo di oltre sette etti. Un venticinquenne: Antonino Loria è stato arrestato. 

I carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Agrigento, durante un servizio di osservazione svolto a Favara, "hanno sorpreso fuori dalla sua abitazione venticinquenne, attualmente sottoposto alla detenzione domiciliare, contestandogli dunque il reato di evasione. Subito dopo, notando un certo nervosismo del giovane, i militari hanno deciso di approfondire il controllo. E' scatta una perquisizione domiciliare e in una zona di pertinenza dell’immobile, i carabinieri hanno trovato una sorta di mini serra artigianale di marijuana. Una "serra" - hanno ricostruito dal comando provinciale di Agrigento - con lampade e ventilatore per accelerare la crescita delle piante. Sequestrato tutto il materiale ritrovato, tra cui fitofarmaci e terriccio".

I carabinieri, durante la perquisizione, hanno notato qualcosa di anomalo al contatore della luce. "Le verifiche hanno permesso d'accertare un allaccio abusivo alla rete elettrica pubblica" - prosegue la ricostruzione del comando provinciale dell'Arma - . Il venticinquenne favarese è stato, dunque, arrestato per coltivazione e detenzione di sostanze stupefacenti, furto aggravato ed evasione. Su disposizione del sostituto procuratore di turno, il giovane è stato collocato - in attesa dell'udienza di convalida - agli arresti domiciliari. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non è questo il primo caso di coltivazione “fai da te” che è stato recentemente scoperto dai carabinieri. Qualche giorno fa, infatti, nel paese di Ravanusa era finito in manette un intero nucleo familiare, i cui componenti erano stati sorpresi con una mini piantagione di marijuana all’interno della loro abitazione, sfruttando, anche in questo caso, un allaccio abusivo alla rete elettrica pubblica.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Villaseta: giovane si toglie la vita, avviate le indagini

  • Coronavirus: muore commerciante di Canicattì, seconda vittima dopo l'anziana di Sambuca

  • Coronavirus, è di nuovo raffica di positivi a Ravanusa, Palma, Canicattì, Licata, Sciacca, Cianciana e Porto Empedocle

  • Non si fermano i contagi a Sambuca, altri nove positivi: tra questi anche un impiegato

  • Amministrative, Franco Miccichè il nuovo sindaco: vittoria a valanga su Firetto

  • Coronavirus: 5 alunni positivi a Porto Empedocle e 3 a Lampedusa: salgono a 15 i contagi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento