"No" al ricorso "umanitario", 30enne verrà estradato in Romania

L'uomo era stato arrestato in esecuzione di un mandato di cattura internazionale perché deve scontare nel suo Paese 3 anni e 4 mesi di reclusione per rapina aggravata e furto

(foto ARCHIVIO)

La seconda sezione della Corte d'appello di Palermo ha rigettato il ricorso contro l'estradizione. Samir Mihai Buhai, 30 anni, romeno, raggiunto due mesi fa da un mandato di cattura internazionale perché deve scontare nel suo Paese 3 anni e 4 mesi di reclusione per rapina aggravata e furto, potrà essere consegnato all'autorità giudiziaria romena. Lo riporta oggi il Giornale di Sicilia. Il trentenne era stato arrestato dai poliziotti di Sciacca circa 2 mesi fa quando venne trovato al museo del mare. L'avvocato Pasquale Danna aveva proposto appello all'estradizione in considerazione delle condizioni delle carceri romene: elevato numero dei detenuti e spazi limitati nelle celle.

Spazi limitati nelle carceri romene, niente estradizione per un 30enne

Il romeno era stato condannato per aver malmenato una donna portandole via il portafogli con all'interno denaro e carta di credito, ma anche per aver rubato oltre 10 alberi di proprietà dello Stato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, il bollettino dell'Asp: 88 nuovi positivi, 6 ricoverati e 2 vittime

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento