Mandorlo in fiore rimandato, il sindaco: "Non vogliamo creare debiti"

Il primo cittadino, spiega alla comunità, i motivi che lo hanno spinto alla "sofferta" decisione

FOTO ARCHIVIO

“Siamo costretti a rimandare la sagra del Mandorlo in fiore”. E’ queste parole che il sindaco di Naro, Brandara, annuncia che la storica kermesse è stata mandata. Il primo cittadino narese spiega, attraverso una lunga lettera, le motivazioni che hanno spinto l’Amministrazione comunale a posticipare il rinomato evento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Siamo in gestione provvisoria - dice il sindaco - e le spese per la primavera narese potrebbero trasformarsi in debiti fuori bilancio. Già probabilmente qualche passività arretrata (seppur di modica entità) per prestazioni artistiche e/o musicali e/o di intrattenimento la abbiamo. Anche se la maggior parte delle spese per eventi culturali, musicali e di intrattenimento hanno trovato copertura negli sponsor o nell’intervento gratuito delle locali associazioni o nei finanziamenti regionali. Ma non vogliamo creare debiti. Tutti conosciamo le vicende del bilancio. Prima abbiamo saputo che lo Stato aveva quasi annullato i fondi erariali che doveva trasferire al Comune di Naro negli anni 2014 e 2015, in quanto il Comune di Naro avrebbe dovuto sopperire a questi trasferimenti grazie alle entrate proprie dell’IMU sui terreni agricoli. Entrate che poi non ci sono state, perché questa era una tassa iniqua ed odiosa che, per fortuna, è stata tolta dallo Stato. Dopo abbiamo trovato un disavanzo di 450mila euro. Poi ancora, i revisori ci hanno detto che il disavanzo non era di 450 mila euro, ma era di poco più di un milione di euro. Poi è andato in pensione il Ragioniere Comunale. Poi non abbiamo trovato un’adeguata professionalità interna per la Ragioneria e le Finanze. Poi è venuto il commissario regionale per il bilancio, e così via. Sin dal giorno del nostro insediamento, abbiamo dovuto agire in regime di gestione finanziaria provvisoria e sappiamo quali e quante difficoltà questo comporta. Se io avessi saputo di questa situazione prima, forse ci avrei pensato dieci venti cento volte prima di accettare la candidatura a Sindaco.  Ma ormai siamo qui e non possiamo abbandonare. Anzi dobbiamo risolvere la situazione e andare avanti. Con tutte le gravissime ed enormi difficoltà che abbiamo incontrato e che incontriamo, giorno dopo giorno. Ma ho comunque fiducia ed ho fiducia nelle capacità del vicesindaco Serena Cremona, in quelle degli assessori Lillo Burgio, Dario Lombardo e Lillo Cangemi, nelle capacità del Presidente del Consiglio Lillo Valvo, nelle capacità dei capigruppo consiliare dottoressa Cristina Scanio ed Enzo Giglio, nelle capacità di tutti i consiglieri comunali di maggioranza e di minoranza, nel rispetto dei loro ruoli, ma nella certezza che hanno tutti a cuore le sorti di Naro". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • Boom di contagiati da Covid 19 a Sciacca, adesso sono 29: ci sono anche un neonato e la sua famiglia

  • Passeggero della Tua positivo al Covid 19, l'Asp: "Chi ha viaggiato su questo bus ci contatti immediatamente"

  • Schizza il bilancio dei positivi nell'Agrigentino, ancora casi a Canicattì e Licata

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): 6 per Agrigento, arrivano i primi tamponi rapidi

  • Si sente male in spiaggia e si accascia, inutili i soccorsi: muore 66enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento