Riscossione tributi, Adic: "Servizio in house non decolla"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Ritorniamo a parlare della gestione diretta del servizio di riscossione dei tributi locali. Questa volta le domande l'ADIC le rivolge al Sindaco aspettando delle risposte che possano fare chiarezza sul perchè questo servizio stenta a decollare, 

Le domande sono queste:1)Perchè non da'disposizione alla burocrazia comunale affinchè metta in atto tutto cio' che è stato stabilito dalla delibera di CC N.114 DEL 28/12/2017 ? 2) Perchè non revoca la delibera del CC n.26 del 28/03/2018 avente per oggetto:"Affidamento della riscossione coattiva delle entrate comunali,tributarie e patrimoniali all'Agente della Riscossione per le province siciliane Riscossione Sicilia S.p.A per tutte le motivazioni che ll'ADIC ha sempre detto(Dimissioni di tutto il Cda per motivi di bilancio,indagini da parte della Regione Sicilia sulla societa',il fatto che tutti i comuni della sicilia non ne vogliono sapere di questa societa' e per ultimo il fatto che le consegne tra la Municipia S.P.a ed il Comune di Licata non sono ancora state espletate e quindi il Comune in ogni caso quali ruoli deve consegnare se non esiste un contenzioso?).3) Perché non revoca la delibera di CC n.25 del 29/03/2018 avente per oggetto.Approvazione Piano Finanziario del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani determinazione "Tariffe Tari anno 2018",sempre per quello che l'ADIC ha sempre detto,e cioè il piano economico e finanziario fa acqua da tutte le parti, l'aumento delle tariffe Tari deliberate dalla Sig.ra Brandara senza dare alcuna motivazione e tariffe che l'anno precedente il Consiglio Comunale autoscioltosi aveva diminuito.L'ADIC promette che se non saranno dati chiarimenti su quanto chiesto, ritornerà sull'argomento.        

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento