Disagi in vista per lo smaltimento della frazione secca dei rifiuti, si studiano le soluzioni

L'assessore Hamel: "Abbiamo ascoltato la proposta della Catanzaro costruzioni, torneremo a confrontarci"

La discarica di Siculiana

Un incontro tecnico è stato convocato nella giornata di ieri alla Srr Agrigento Est dal presidente Alfonso Galluzzo e dall’assessore all’Ecologia del Comune di Agrigento Nello Hamel per discutere delle possibili criticità riscontrabili nei prossimi giorni nello smaltimento della frazione secca. Presente, insieme ai tecnici della società, l’amministratore unico della Catanzaro Costruzioni, Giuseppe Panebianco. Al centro del confronto, l’ipotesi che il capoluogo possa conferire presso l’impianto di Siculiana (anche se in modo non diretto) già a partire dall’uno luglio.

“Abbiamo piacevolmente riscontrato la disponibilità e la linearità della proposta della Catanzaro Costruzioni – ha detto l’assessore Nello Hamel -, e ci torneremo a confrontare nell’immediato futuro non soltanto per il superamento dell’attuale situazione, ma anche in prospettiva per valutare alcune soluzioni dalle quali il Comune potrebbe trarre grossi benefici in termini di costi ed efficienza del servizio di smaltimento dei rifiuti”.

“E’ il mio secondo incontro con la nuova governance della società – spiega invece il presidente Galluzzo – e ci sarà modo di confrontarsi ancora in futuro sulla situazione di altri Comuni, nell’interesse dei soci della Srr e quindi dei cittadini. E’ nostro interesse primario migliorare tutti gli aspetti connessi al servizio di igiene ambientale e ragionare in termini di programmazione piuttosto che nell’ottica dell’emergenza, per quanto di nostra competenza”.

“Fin dal mio insediamento avevo posto come primo punto della mia azione l’attenzione ai bisogni del territorio, in linea con quanto l’azienda ha sempre fatto negli anni. Garantire quindi il nostro supporto ai Comuni agrigentini in un momento di potenziale difficoltà è quello che faremo già nell’immediato – commenta invece Panebianco -. Abbiamo accolto quindi l’invito a partecipare all’incontro convocato dalla Srr e in quella sede abbiamo già fornito la nostra massima disponibilità a superare le criticità evidenziateci. Nei prossimi giorni seguiranno altri incontri con le amministrazioni comunali. Ascolteremo tutte le necessità e, limitatamente a quanto ci è possibile rispetto al quadro attuale, daremo un nostro contributo fattivo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Coronavirus, crescono i casi a Canicattì (+11), Ravanusa (+9), Campobello (+3), Racalmuto e Licata (+1): c'è anche un morto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento