menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Recovery plan, i sindaci agrigentini "strappano" delle promesse ai ministri

L'impegno preso dal Governo è che verranno garantiti fondi utili a superare la marginalità e la precarietà, in tema di infrastrutture e trasporti

"Dai ministri abbiamo ottenuto l’impegno del Governo a predisporre, entro tempi controllabili, il progetto dell'autostrada richiesta con la variante a monte di Agrigento Valle dei Templi. Ipotizzando il finanziamento anche con risorse dei fondi UE". Lo ha annunciato, a margine del faccia a faccia con le ministre Mariastella Gelmini e Mara Carfagna, il sindaco di Naro Maria Grazia Brandara. Proprio Brandara s'è fatta promotrice, assieme a molti altri, della cosiddetta "marcia" su Roma che hanno fatto tutti, o quasi, i primi cittadini dell'Agrigentino. Una "marcia" fatta perché questa provincia è stata sostanzialmente esclusa dagli investimenti del Recovery plan per il miglioramento infrastrutturale. "Abbiamo ricevuto attenzione e assicurazioni, le ministre hanno preso un impegno e nei prossimi giorni avremo riscontro” - ha dichiarato invece il commissario provinciale di Forza Italia Agrigento e sindaco di Montevago Margherita La Rocca Ruvolo - . 

I sindaci agrigentini prima hanno tenuto un sit-in davanti Palazzo Chigi e poi hanno, appunto, incontrato le ministre per gli Affari regionali e per le Pari opportunità. Gli stessi sindaci dell’Agrigentino, tramite il vice coordinatore regionale di Forza Italia Riccardo Gallo, e la coordinatrice provinciale di Forza Italia di Agrigento, Margherita La Rocca Ruvolo, accompagnati dall’assessore regionale agli Enti Locali, Marco Zambuto, hanno incontrato il vice presidente di Forza Italia, Antonio Tajani, e il ministro per gli Affari Regionali e per le Autonomie, Mariastella Gelmini. Nel corso dell’incontro sono state affrontate le tante criticità che affliggono il territorio agrigentino penalizzato dalla carenza di infrastrutture e quindi di investimenti nel settore con tutto l’indotto economico che ne deriverebbe. Pertanto il vice presidente Tajani e il ministro Gelmini sono stati invitati ad adoperarsi affinchè adeguate risorse e iniziative infrastrutturali siano assicurate al territorio agrigentino nel Recovery Plan prossimo alla concretizzazione. I sindaci agrigentini hanno inoltre incontrato sulle stesse istanze il ministro per il Sud, Mara Carfagna. L’onorevole Riccardo Gallo commenta: “L’incontro dei sindaci agrigentini con il vice presidente Tajani e il ministro Gelmini, e poi con il ministro Carfagna, è stato occasione proficua per porre all’attenzione del governo nazionale e del Parlamento la necessità di garantire i fondi del Recovery utili a superare la marginalità e la precarietà, in tema di infrastrutture e trasporti, della provincia agrigentina. Tramite l’assessore regionale agli Enti Locali, Marco Zambuto, che si è subito mostrato attento e disponibile all’iniziativa, vigileremo sul riscontro alle istanze dei sindaci”.

"Una provincia tagliata fuori da tutto", i sindaci protestano a Roma contro Draghi

"Sosteniamo con forza e convinzione la protesta dei sindaci che hanno manifestato davanti a Palazzo Chigi contro l’esclusione dal Recovery Plan di interventi infrastrutturali nell’Agrigentino". Lo afferma Giusy Savarino, deputata regionale di DiventeràBellissima e presidente della Commissione Ambiente e Territorio, aggiungendo: «Noi deputati regionali della provincia abbiamo già sollecitato tramite un ordine del giorno all’Ars la realizzazione della Gela-Castelvetrano e dell’alta velocità ferroviaria anche in collegamento con la provincia di Agrigento. Con il governo Musumeci insisteremo affinché queste opere fondamentali per il territorio, che il governo nazionale non ha voluto inserire nel Recovery Plan, possano essere finanziate con urgenza attingendo ai primi fondi che si renderanno disponibili».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento