Cronaca

Rappresaglia fra parenti per l'uso dell'appartamento, due condanne

Il giudice infligge due anni di reclusione ciascuno agli imputati accusati di violenza privata e turbativa violenta del possesso di cose immobili

Rappresaglie e vessazioni per tentare di fare lasciare l'appartamento di comune proprietà a tre parenti che vi abitavano. 

ll giudice monocratico del tribunale di Agrigento, Sabrina Bazzano, ha condannato alla pena di 2 anni di reclusione Giuseppe Salemi, 66 anni, e Graziella Nora Durè, 63 anni, per i reati di violenza privata e turbativa violenta del possesso di cose immobili.

I fatti al centro del processo risalgono al periodo compreso fra il settembre e il novembre del 2017. I due imputati, per mesi, avrebbero tentato in ogni modo di vessare gli altri parenti con cui dividevano l'appartamento, nella frazione di Villaseta, prendendo a pugni e calci la porta di ingresso e, persino, rompendo il vetro di una finestra.

Alla condanna si è giunti nonostante la richiesta di assoluzione del pubblico ministero. I due imputati sono stati condannati pure a risarcire le presunte vittime che si sono costituite parte civile con l'assistenza degli avvocati Barbara Garascia e Giuseppe Bongiorno.

"Il giudizio - commentano i difensori - giunge all"esito di una dolorosa vicenda in cui le parti civili sono state per anni vittime di minacce, violenze e prevaricazioni da parte degli odierni condannati". Dalle denunce delle vittime ne sono scaturiti altri quattro procedimenti, tuttora aperti. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rappresaglia fra parenti per l'uso dell'appartamento, due condanne

AgrigentoNotizie è in caricamento