menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Premio Bezzo", stravincono gli agrigentini: consegnati i riconoscimenti

La selezione dei ristoranti partecipanti è stata facilitata dai rispettivi Comuni e l'innovativo approccio metodologico previsto dagli organizzatori ha fatto sì che, a compimento di tutte le fasi, siano risultati finalisti nove esercizi, che hanno potuto esprimersi con ricche argomentazioni

Giornata d'oro per l'imprenditoria agrigentino. Gli imprenditori della città stravincono nella promozione della cultura del benessere equo e sostenibile. Nella Sala Giunta della Regione Piemonte, in piazza Castello a Torino, mezzogiorno, sono stati presentati alla stampa i vincitori del "Premio Bezzo". A conquistare il primo premio è stato Ginger-People&Food di Agrigento, seguito da un altro ristorante della città dei Templi, Terracotta. A ritirare il riconoscimento sono stati Carmelo Roccaro con la chef Mareme Cisse, per Ginger, e Salvo Ciulla, per Terracotta. Erano presenti, tra gli altri, l'assessora regionale delle Pari Opportunità e dell'Immigrazione, Monica Cerutti, i presidenti di Aregai  e Plef, Giorgio Borgiattino e Emanuele Plata, la sindaca di Casale Monferrato, Titti Palazzetti, e l'assessore all'economia, Marco Rossi, la coordinatrice del Premio, Enza Laretto. Nel corso della cerimonia è stata data lettura di un messaggio del sindaco di Agrigento, Lillo Firetto, in cui ha lodato le due eccellenze della ristorazione per i rispettivi progetti e riferito della recente riapertura della Cattedrale di San Gerlando, dell'ormai prossima manifestazione del Mandorlo in Fiore, oltreché delle celebrazioni, nel 2020, dei 2600 anni di storia della città. 

La selezione dei ristoranti partecipanti è stata facilitata dai rispettivi Comuni e l'innovativo approccio metodologico previsto dagli organizzatori ha fatto sì che, a compimento di tutte le fasi, siano risultati finalisti nove esercizi, che hanno potuto esprimersi con ricche argomentazioni sulle loro attività accanto ai più di cento giudizi raccolti dai loro avventori e alla valutazione tecnica finale della giuria. Alla fine delle tre valutazioni sul podio si sono collocati due ristoranti di Agrigento e uno di Parma, determinando anche il premio al Comune di Agrigento, città vincitrice grazie al ristorante Ginger People&Food che, a sua volta, potrà beneficiare di un completo processo di certificazione per una filiera di fornitura, consentendo gratuitamente formazione e visibilità grazie alla disponibilità di alcuni partner

Terracotta vince un’attività di coaching on the job svolta da Aifos per la valutazione di igiene degli alimenti e da Aregai per la valutazione della sostenibilità e la sua comunicazione con la Smart Label. Tutti i ristoratori partecipanti saranno inseriti in una tesi con Scamuzzi dell’Università di Torino e una pubblicazione che sarà utilizzata per raccontare l’esperienza alle scuole e diffusa ai consumatori consapevoli.

Il Comune di Agrigento, da parte sua, disporrà di uno studio specifico sulla propria comunità finalizzato sempre alla determinazione del livello di benessere, grazie ad un sondaggio rappresentativo della popolazione con la metodologia seguita a livello nazionale sulla percezione del benessere soggettivo, specificatamente focalizzato sulla rilevanza che l'alimentazione riveste nel territorio. L'assegno di ricerca verrà fornito al Polo Didattico di Agrigento dell'Università di Palermo, e formerà come ricercatori sul campo, professori e studenti con la supervisione di Aiquav. 

Gli assegni di ricerca sono disponibili grazie alla donazione del sistema cooperativo Crai in cui Giuseppe Bezzo è stato per anni riferimento piemontese. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento