rotate-mobile
Domenica, 29 Maggio 2022
Maltrattamenti / Canicattì

Insultata, minacciata e picchiata: 57enne trova il coraggio e denuncia il marito, collocata in una casa protetta

La donna ha lasciato il tetto coniugale dove, per due anni, è stata - stando quanto lei stessa ha raccontato ai carabinieri - sistematicamente maltrattata

Insultata, minacciata e picchiata. Dopo due anni di maltrattamenti, una badante cinquantasettenne di Canicattì ha trovato il coraggio per dire “basta” e s’è rivolta – denunciando tutte le vessazioni subite – ai carabinieri. I militari dell’Arma hanno raccolto la querela a carico del marito della donna, un disoccupato canicattinese sessantenne, e hanno avviato l’iter del “codice rosso”. La vittima dei maltrattamenti in famiglia è stata, in via precauzionale, allontanata dalla casa coniugale ed è stata collocata in una struttura protetta per donne vittime di violenza.

Non si tratta del primo, né – purtroppo – dell’ultimo caso di maltrattamenti in famiglia che vengono a registrarsi nell’Agrigentino dove però le donne vittime, e questo avviene soltanto da qualche anno a questa parte, riescono a trovare la forza per spezzare le “catene” di sottomissione fisiche e psicologiche alle quali sono legate. Perché sono tante, la maggior parte, le donne che dopo la prima sfuriata, le prime percosse tendono a perdonare e provano a dimenticare, forse per tenere salda la famiglia. Ma quei primi episodi di maltrattamenti non sono altro che l’esordio di una lunga serie. Ed è così che spesso, troppo spesso, la donna (moglie e madre) si ritrova in un tunnel di soprusi e violenze dal quale è difficile uscire. La canicattinese cinquantasettenne però ce l’ha fatta e dopo due anni di maltrattamenti in famiglia è riuscita a trovare forza e coraggio per recarsi dai carabinieri ai quali ha raccontato quanto, suo malgrado, ha vissuto. I militari dell’Arma hanno raccolto la querela a carico del marito convivente e hanno effettuato una serie di accertamenti, a margine dei quali hanno, appunto, denunciato l’uomo alla Procura della Repubblica di Agrigento. In via precauzionale, appunto, la vittima è stata allontanata e collocata in un luogo sicuro. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Insultata, minacciata e picchiata: 57enne trova il coraggio e denuncia il marito, collocata in una casa protetta

AgrigentoNotizie è in caricamento