Cronaca

Pestaggio in Questura o autolesionismo? La Procura chiede di archiviare tutto

Il pm vuole chiudere il caso avviato dopo la denuncia di un imprenditore, Angelo Capraro, che sosteneva di essere stato picchiato dopo un controllo stradale

La Questura di Agrigento

Un imprenditore aveva raccontato di essere stato insultato e picchiato in Questura, senza alcun motivo e solo per avere protestato verso una contravvenzione al codice della strada per un’infrazione mai commessa. I due poliziotti, invece, lo avevano denunciato per danneggiamento e resistenza, sostenendo che avesse preso a calci l’armadietto dell’ufficio e si fosse ferito con un gesto autolesionista.

A distanza di due anni e mezzo di indagini, durante le quali sono stati esaminati i filmati di videosorveglianza all’esterno della caserma ed eseguiti persino degli accertamenti chimici e scientifici sull’armadietto, la Procura chiede l’archiviazione dell’inchiesta sia per i poliziotti che per il commerciante. Da una parte gli agenti della Questura, Corrado Concetto Burgaretta, 57 anni, e Francesco Marrella, 35 anni; dall’altro l’imprenditore Angelo Capraro, 37 anni. I primi due sono indagati per falso e lesioni, Capraro per resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento e lesioni aggravate. La richiesta di chiudere il caso, nella quale, comunque, vengono avanzate parecchie ombre sulle versioni dei tre protagonisti della vicenda, è stata firmata dal procuratore Luigi Patronaggio e dal pubblico ministero Matteo Delpini. Il caso sarà adesso valutato da

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pestaggio in Questura o autolesionismo? La Procura chiede di archiviare tutto

AgrigentoNotizie è in caricamento