rotate-mobile
Lo spaccio nel bronx / Licata

La maxi operazione antidroga "Hybris": 38enne torna dalla Germania e si costituisce

Fabrizio Truisi, accompagnato dal suo legale, si è presentato in commissariato: all'interrogatorio di garanzia si è avvalso della facoltà di non rispondere

Presunto trafficante di cocaina, sfuggito alla cattura nell'ambito della maxi operazione Hybris, scattata all'alba di martedì scorso, rientra dalla Germania e si costituisce. Il trentottenne Fabrizio Truisi, accompagnato dal suo legale Gaspare Lombardo, si è presentato in commissariato dove gli è stata notificata l'ordinanza cautelare in carcere ed è stato sottoposto a tutte le perquisizioni domiciliari di rito.

Qualche ora dopo è comparso davanti al gip di Palermo, Antonella Consiglio, che ha firmato l'ordinanza nei suoi confronti, per l'interrogatorio di garanzia nel quale si è avvalso della facoltà di non rispondere. Truisi è indagato per associazione a delinquere finalizzata allo spaccio: secondo l'accusa avrebbe fatto parte del gruppo di narcotrafficanti che gestiva il giro fra Licata, Gela, Campobello, Canicattì e Catania.

La squadra mobile di Agrigento ha condotto, per oltre un anno e mezzo, una complessa e articolata attività investigativa che ha interessato gran parte dell'Agrigentino, nonché parte della provincia nissena e catanese. Le indagini si sono concentrate su un agglomerato abitativo popolare di Licata, tradizionalmente noto come "Bronx".

I componenti del gruppo, secondo quanto è stato ricostruito, avrebbero stretto accordi con altri clan di Gela e Catania finalizzati ad estendersi nel mercato della droga. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La maxi operazione antidroga "Hybris": 38enne torna dalla Germania e si costituisce

AgrigentoNotizie è in caricamento