Sergio Castellitto è Pietro Bartolo: il film "Nour" è nelle sale

La protagonista della pellicola è una bambina siriana di dieci anni che ha affrontato il viaggio in mare da sola e che ora vuole ritrovare sua madre

La locandina di Nour

E' da oggi nelle sale, e lo sarà per altri due giorni, Nour,  film ispirato all'attività di Pietro Bartolo come medico a Lampedusa. Il film andrà anche in onda su Sky il 20 agosto. "È falso che i migranti portano in Italia e in Europa malattie- spiega in occasione del lancio Pietro Bartolo - una semplificazione con conseguenze di discriminazione e contraria al diritto universale alla salute. In Italia, purtroppo è difficile parlare di migrazione senza entrare nel terreno di scontro politico e ideologico. Bisogna educare alla tolleranza e fin da piccoli contrastare tutte le forme di razzismo, creando una cultura dell'inclusione". È Sergio Castellitto a dare il volto a Pietro Bartolo, protagonista di una storia che vede al centro Nour, una bambina siriana di dieci anni che ha affrontato il viaggio in mare da sola e che ora vuole ritrovare sua madre.

Bartolo-Castellitto, medico dell'isola, se ne prende cura e, un passo dopo l'altro, cerca di ricostruire non solo il passato della bambina, ma anche il suo presente e un nuovo futuro. Una storia vera e a lieto fine, tratta dal libro "Lacrime di sale", che raccoglie ricordi ed esperienze dello stesso Bartolo.

Nour è una produzione Stemal Entertainment, Ipotesi Cinema in collaborazione con Rai Cinema. Un film realizzato grazie al sostegno dell'Associazione Sanità di Frontiera e Consulcesi Onlus. La regia è di Maurizio Zaccaro.

"A livello politico - evidenzia ancora Bartolo - è necessario mettere in campo iniziative per migliorare l'accesso alle cure ai rifugiati e migranti. Serve anche una nuova cultura socio sanitaria, il personale sanitario deve essere adeguatamente formato a gestire emergenze di frontiera. Per questo motivo ho deciso di collaborare con Sanità di Frontiera ad un progetto di formazione professionale sul tema dei migranti". "Continua ad essere fondamentale-  conclude Francesco Aureli, direttore generale di Sanità di Frontiera - portare avanti i progetti legati alla formazione professionale dei medici e dei professionisti sanitari che metta al centro un nuovo umanesimo in medicina, che ripensi alla sanità in una prospettiva globale senza confini".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(fonte: ANSA)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vendesi villa da sogno", casa Modugno a Lampedusa potrà essere acquistata

  • I contagi da Covid-19 continuano ad aumentare, firmata l'ordinanza: ecco tutti i nuovi divieti

  • A 214 km orari sulla statale 640, raffica di multe per l'elevata velocità e per uso del cellulare

  • Boom di contagi da Covid-19 ad Aragona, i genitori: "Prima la salute dei nostri figli, scuole chiuse subito"

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona e tamponi positivi anche a Licata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento