Cronaca

Akragas, Marcello Giavarini: "Scaricare Tirri? No, siamo amici"

L'imprenditore corregge il tiro e ammette di avere soltanto "accolto sua volontà"

Marcello Giavarini

"Liquidare Tirri? Ho accolto la sua volontà". Marcello Giavarini, chiarisce la sua posizione. L'ex presidente dell'Akragas, ha votato "si" alle dimissioni di Peppino Tirri. Un gesto che, in parte ha spiazzato ma che lo stesso Giavarini chiarisce con una nota.

LEGGI ANCHE: MARCELLO GIAVARINI 'SCARICA' PEPPINO TIRRI

"Desidero chiarire che Peppino Tirri mi ha spiegato privatamente le motivazioni personali che lo hanno spinto ad intraprendere la strada delle dimissioni irrevocabili, che io condivido perfettamente. Io, da amico, ho accolto solamente la sua volontà. Come voi tutti ricordate - scrive l'imprenditore - Peppino Tirri è stata la persona che mi ha portato ad Agrigento come investitore ed ha sempre avuto la mia fiducia. Come voi tutti sapete, dallo scorso mese di novembre ho lasciato la vita sociale dell’Akragas e non potevo trattenere un amico come Tirri contro la sua volontà? a restare nell’Akragas. Infine, ricordo che le mie quote dell’Akragas sono a disposizione della città e rimango in attesa che mi si dica a chi intestarle oppure che nuovi investitori si facciano avanti. Forza Akragas".

Secondo quanto ha riferito Giavarini, l'imprenditore non ha "scaricato" Tirri, ma avrebbe soltanto accontentato l'ad.

L'ex massimo esponente dell'Akragas, ribadisce ancora una volta, la volontà di cedere le quote della società biancazzurra.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Akragas, Marcello Giavarini: "Scaricare Tirri? No, siamo amici"

AgrigentoNotizie è in caricamento