"Maltrattamenti ed estorsione a carico della moglie", sospeso reddito di cittadinanza a cinquantenne

E' effetto della misura cautelare di divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati dalle persone offese, detenzione abusiva di armi ed estorsione commessa ai danni della moglie, della sorella e della cognata

(foto ARCHIVIO)

Maltrattamenti in famiglia, estorsione e detenzione di armi, sospesa l'erogazione del reddito di cittadinanza per un cinquantenne canicattinese. A mettere in pratica il provvedimento è stato il personale della Polizia di Stato su ordine emesso del gip del Tribunale di Agrigento

Il provvedimento giudiziario, eseguito dal personale del Commissariato di Canicattì, deriva dalla precedente misura cautelare di divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati dalle persone offese, emessa a carico dell’uomo poiché indagato per maltrattamenti in famiglia, detenzione abusiva di armi ed estorsione commessa ai danni della moglie, della di lui sorella e della cognata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, il bollettino dell'Asp: 88 nuovi positivi, 6 ricoverati e 2 vittime

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento