rotate-mobile
Mafia Campobello di Licata

«Non è capomafia di Campobello di Licata», assolto Angelo Gioacchino Middioni

Il Tribunale di Agrigento presieduto da Giuseppe Melisenda ha assolto il campobellese Angelo Gioacchino Middioni, cugino dell'ex capo di Cosa Nostra agrigentina Giuseppe Falsone, dall'accusa di essere il capomafia di Campobello di Licata

Il Tribunale di Agrigento presieduto da Giuseppe Melisenda ha assolto il campobellese Angelo Gioacchino Middioni, cugino dell'ex capo di Cosa Nostra agrigentina Giuseppe Falsone, dall'accusa di essere il capomafia di Campobello di Licata con la formula "perché il fatto non sussiste", disponendone l'immediata scarcerazione.

Middioni è stato difeso dall'avvocato Giovanni Castronovo. L'accusa rappresentata dal pm Giuseppe Fici aveva chiesto la condanna a 12 anni di reclusione.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Non è capomafia di Campobello di Licata», assolto Angelo Gioacchino Middioni

AgrigentoNotizie è in caricamento