rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca Licata

Il Comune chiude i conti col Tre Sorgenti, il debito ammonta a poco più di 2 milioni

Gli arretrati sono relativi alle quote associative del periodo compreso fra il 2004 e il 2008, Galanti: "Il consorzio va sciolto subito"

Il Comune di Licata chiude i conti con il Consorzio Tre Sorgenti che reclamava 2.365.847 di debiti arretrati quale quota associativa. Il vice sindaco Antonio Montana ha chiuso un accordo con l'ente acquedottistico, nel corso di un'apposita riunione tenuta a Canicattì, in base al quale il debito complessivo è stato determinato in 2.004.955 euro.

"Occorre ricordare - commenta il sindaco Giuseppe Galanti - che Licata non beneficia di acqua, proveniente dal consorzio sin dall'aprile del 2008, e che la normativa in vigore prevede il fatto che il consorzio Tre Sorgenti avrebbe dovuto essere sciolto sin da quell'anno. A parere di questa Amministrazione comunale - conclude il sindaco - è necessario pervenire, nel più breve tempo possibile, allo scioglimento del consorzio, in quanto ogni giorno in più di esistenza dello stesso comporta un costo inutile e un aggravio per per le casse comunali e, quindi, per la comunità licatese".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comune chiude i conti col Tre Sorgenti, il debito ammonta a poco più di 2 milioni

AgrigentoNotizie è in caricamento