"Un'associazione a delinquere al vertice del Comune", 5 condanne

Per i giudici della seconda sezione penale, l'ex sindaco De Rubeis, l'ex dirigente dell'Utc e altri tre imputati sono colpevoli. Pene fino a 8 anni e 10 mesi di reclusione

L'ex sindaco Bernardino De Rubeis il giorno dell'arresto

Un'organizzazione criminale al vertice del Comune di Lampedusa: i giudici della seconda sezione del tribunale di Agrigento hanno condannato i cinque principali imputati del processo alla cosiddetta cricca di Lampedusa che avrebbe gestito appalti e lavori pubblici in maniera illegittima in cambio di tangenti. I giudici hanno riconosciuto la sussistenza del reato di associazione a delinquere.

La pena più alta è stata inflitta all'ex dirigente dell'ufficio tecnico comunale Giuseppe Gabriele: 8 anni e 10 mesi di reclusione è la condanna decisa dal collegio di giudici presieduto da Giuseppe Miceli con a latere Rosanna Croce e Vincenzo Ricotta. Per lui il procuratore aggiunto di Agrigento, Salvatore Vella, aveva chiesto la condanna a 17 anni.

Chieste condanne fino a 17 anni di carcere

Sette anni e nove mesi di reclusione sono stati decisi per l'architetto Gioacchino Giancone, all'epoca dei fatti - fra il 2008 e il 2011 - a capo del settore Attività produttive del Comune. Quattro anni, un mese e quindici giorni per l'ex sindaco Bernardino De Rubeis che, da poco meno di un anno, si trova in carcere per scontare una condanna a quasi 7 anni per un'altra vicenda di tangenti.

Altri due imputati, ritenuti estranei all'associazione, sono stati ritenuti colpevoli per altri reati. L'imprenditore Leonardo Pellegrini è stato condannato a 2 anni per corruzione: secondo i giudici avrebbe voluto costruire un albergo abusivo in combutta con la "cricca" servendosi come "scudo" della società Labproject, ritenuta la "cassaforte" dell'organizzazione. In cambio per Gabriele e Giancone ci sarebbe stata una tangente di 800 mila euro mascherata con un contratto di "datio in solutum". Il funzionario dell'Utc Giovanni Sorrentino, invece, è stato condannato a un anno e due mesi di reclusione per abuso di ufficio e falso. Secondo l'accusa, avrebbe sottoscritto dei falsi atti con cui cedeva alcune porzioni di suolo comunale per favorire le speculazioni illegali di Gabriele e Giancone.

Altri diciotto imputati, fra tecnici, professionisti e imprenditori accusati di essere i corruttori, ne sono usciti indenni fra assoluzione e prescrizione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 59 nuovi positivi nell'Agrigentino: ci sono anche insegnanti e studenti, è raffica di scuole chiuse

  • Regione, firmata l'ordinanza: centri commerciali e outlet chiusi la domenica pomeriggio e coprifuoco dalle 23

  • Coronavirus: "pioggia" di casi tra Agrigento, Favara, Ribera e Sciacca

  • Cosa fare se si è entrati in contatto con una persona positiva al coronavirus

  • Aumentano i contagi da Covid, sospesi i mercatini settimanali: ecco dove

  • L'ultimo bagno della stagione si trasforma in tragedia: annegato un turista 51enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento