Abusi edilizi al Castello dei Firetto, l'inchiesta approda in Cassazione: si decide sul sequestro

Nell'attesa della decisione del gip sulla nomina di un custode, è stata fissata l'udienza sul provvedimento cautelare

Il 25 febbraio davanti alla Corte di Cassazione: l'inchiesta sul castello Colonna di Joppolo Giancaxio - di proprietà della famiglia del sindaco di Agrigento, Calogero Firetto, indagato insieme al fratello Mirko per avere realizzato, all'interno, alcuni abusi edilizi in occasione della ristrutturazione dell'edificio - potrebbe arrivare al primo punto fermo con il pronunciamento definitivo sul sequestro. Intanto si attende sempre la decisione del gip Francesco Provenzano in merito alla richiesta del difensore, l'avvocato Angelo Farruggia, di riapertura della struttura attraverso la nomina di un amministratore giudiziario in modo da riprendere lo svolgimento dei banchetti nuziali con il coordinamento dell'autorità giudiziaria e nell'attesa che il procedimento faccia il suo corso.

Il 16 gennaio il legale ha chiesto in udienza la riapertura del castello al quale, nelle scorse settimane, sono stati apposti i sigilli dopo che il tribunale del riesame, pronunciandosi in seguito a una sentenza della Cassazione, ha ritenuto insussistente il reato di violazione del vincolo paesaggistico, confermando il provvedimento di sequestro per gli altri due reati contestati: la violazione urbanistica e il deturpamento di bellezze naturali.

A decidere sarà adesso il gip Francesco Provenzano che, nei prossimi giorni, depositerà un'apposita ordinanza. Intanto, la vicenda approderà in Cassazione per il secondo passaggio: la difesa (nel pool di legali anche Gaetano Caponnetto, Vincenzo Caponnetto e Antonino Reina), infatti, chiede di annullare il provvedimento di sequestro ed è stata appena fissata al 25 febbraio l'udienza dalla quale potrebbe arrivare - salvo un secondo rinvio - un pronunciamento definitivo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ricerca: "Chi ha questo gruppo sanguigno è più protetto dal Covid"

  • Auto sbatte contro un cancello e si ribalta lungo la statale 122, morto il ventiseienne

  • Paura e contagi fuori controllo nell'Agrigentino, Cuffaro sbotta: "La verità? Siamo in mano a nessuno"

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • Coronavirus, i positivi continuano ad aumentare: chiuse piazze e vie e stop alle scuole

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento