Plastica bruciata, "Italia nostra" lancia l'allarme: "Attività pericolose e dannose"

L'associazione ha dato voce e diverse segnalazioni di alcuni cittadini. Tra le zone interessate anche il Villaggio Mosè e San Leone

FOTO ARCHIVIO

E’ l’associaizone “Italia nostra” a lanciare l’allarme, dando voce alle segnalazioni di diversi cittadini. Si tratterebbe, secondo quanto fa sapere il direttivo dell’associazione, di “attività pericolose per l’ambiente e per la salute dei cittadini”. Nel dettaglio, “Italia Nostra”, parla di un sospetto  acre odore di bruciato. Tutto questo si avvertirebbe in diverse zone della città, come Villaggio Mosè, San Leone ed anche la via Atenea.

“E’ un odore quasi soffocante - fa sapere tramite nota l'associazione. I cittadini che vivono questo disagio rilevano che il fastidiosissimo odore, per le sue caratteristiche, sembra provocato dalla combustione di sostanze plastiche: verosimilmente i teloni che ricoprono le serre di cui sono piene le aree limitrofe al Villaggio Mosè e rifiuti. Si tratta di un grave problema, essendo ben noto che simili irresponsabili comportamenti provocano l’inquinamento dell’aria e del terreno e pongono in grave pericolo l’ambiente e la salute dei cittadini; e a rendere ancora più seria la situazione è il fatto che i suddetti episodi si susseguono con regolarità. Chiediamo pertanto alle autorità in indirizzo, ognuna per le proprie competenze, di attuare tutto quanto necessario per arrestare il fenomeno, attraverso stringenti controlli ed aspre sanzioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Maxi truffa all'Inail, sequestro da 130mila euro nei confronto di un oleificio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento