Martedì, 16 Luglio 2024
Cronaca

L'incendio alla "Flexo Bags", la polizia sequestra il capannone

Gli agenti della Squadra Mobile dovranno effettuare accertamenti e verifiche per stabilire la natura del rogo: nessuna ipotesi, nemmeno quella accidentale, viene al momento esclusa

I poliziotti della Squadra Mobile della Questura di Agrigento e i vigili del fuoco del comando provinciale di Villaseta, ieri mattina, sono tornati alla “Flexo Bags”: l’azienda che – nella zona industriale a cavallo fra la città dei Templi, Aragona e Favara – si occupa del recupero e riciclo di carta e cartone proveniente dalla raccolta differenziata. Il capannone dove - nel tardo pomeriggio di lunedì scorso, vigilia di Natale, - è divampato uno spaventoso incendio, è stato posto sotto sequestro. Dovranno essere fatti accertamenti e verifiche per stabilire la natura del rogo che ha inghiottito diverse cataste di carta e cartone e provocato danni a dei macchinari.

Brucia il capannone della Flexo Bags, è inferno di fuoco: rogo doloso?

I poliziotti della Squadra Mobile, dopo un primo intervento degli agenti della sezione “Volanti” e dei carabinieri della stazione di Aragona, si stanno occupando delle indagini. Sono state già raccolte le testimonianze degli operai che erano in azienda nel momento in cui è divampata la scintilla iniziale. E a quanto pare sono state acquisite, nella speranza di fare rapidamente chiarezza, le immagini dei sistemi di video sorveglianza presenti.  

Non ci sono certezze – non risultavano essercene ieri, a distanza di ore ed ore - su cosa abbia fatto divampare il rogo. Nulla, a quanto pare, viene ancora escluso: nemmeno l’ipotesi di un incendio accidentale. Così come non viene ancora categoricamente esclusa nemmeno l’ipotesi di un rogo doloso. Anche la conta dei danni è ancora in corso: qualche macchinario sarebbe anche andato distrutto. 

48426603_209266710024481_2368610670594752512_n-3

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'incendio alla "Flexo Bags", la polizia sequestra il capannone
AgrigentoNotizie è in caricamento