rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
La mobilitazione

Servizio idrico e imprese creditrici di 1 milione di euro, nuovo sit-in di protesta a Palermo

A distanza di 8 mesi si rinnova l’appuntamento di protesta di una ventina di aziende davanti a palazzo d’Orleans, sede del governo regionale

Si torna in piazza a protestare. Non molliamo e non lasceremo nulla di intentato”. I vertici provinciali della CNA di Agrigento continuano la loro battaglia al fianco di una ventina di imprese che vantano un significativo credito dalla gestione commissariale prefettizia, a cui era stata affidata la responsabilità della conduzione del servizio idrico integrato nella provincia di Agrigento dopo le  vicende giudiziarie di Girgenti Acque. A distanza di 8 mesi si rinnova l’appuntamento con il sit-in nel capoluogo siciliano, davanti Palazzo d’Orleans, sede del governo. Il raduno, che si terrà nel rispetto delle misure antiCovid, è stato programmato per giovedì, 24 febbraio, dalle ore 9,30 alle ore 13.

“L’iniziativa, finalizzata a sensibilizzare e richiamare l’attenzione delle Istituzioni della Regione - affermano i vertici provinciali della Confederazione, a cui è stata attribuita,sin da subito, la tutela politico-sindacale della vertenza – si rende necessaria in quanto non è più differibile la soluzione al dramma che stanno vivendo questi operatori economici. E’ di circa 1 milione di euro  la somma che complessivamente  dovranno percepire in riferimento al periodo che va dal 16 marzo, data in cui è stata dichiarata l’insolvenza della società, al 2 agosto, giornodi insediamento del nuovo soggetto, l’Aica, costituitasi per mano pubblica. “A fronte di servizi essenziali,regolarmente garantiti attraversointerventi di manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti idrici, fognari e della depurazione – spiegano il presidente Francesco Di Natale e il segretario Claudio Spoto – queste imprese si vendono negare un legittimo credito, rispetto al quale hanno anche contratto debiti con i fornitori, da cui hanno acquistato il materiale, e pagato regolarmente operai e relativi contributi previdenziali. Un’emergenza sociale ed economica della quale sembra non volersene occupare nessuno, con l’aggravante che a commissionare le opere e le prestazioni di beni e servizi è stata un’articolazione dello Stato. E precisamente un commissario nominato dalla Prefettura che è la massima autorità istituzionale in rappresentanzadel governo nel territorio provinciale. E noi infatti ci siamo mossi anche a livello nazionale, interessando della delicata questione, grazie ad una interrogazione parlamentare dell’onorevole Perconti, i ministri dell’Interno, della Salute e dello sviluppo economico. A questo tassello abbiamo fatto seguire l’avvio di una apposita azione legale, con l’assistenza dell’avvocato Stefano Catuara. Ed in questo complesso contesto, la Regione non può e non deve diventare spettatrice di una partita importante per il presente e per il futuro, in cui, per intenderci, in assenza della disponibilità delle imprese, che assicurino gli interventi, si corre il serio rischio di non potere essere garantito un servizio pubblico indispensabile per le comunità dell’agrigentino, come quello dell’erogazione dell’acqua o quello della manutenzione degli impianti fognari, le cui disfunzioni ei cui guasti potrebbero determinare emergenze sanitarie. Proprio qualche giorno fa – aggiungono il presidente  e il segretario della Confederazione – una delegazione guidata dalla CNA è stata  convocata dal presidente dell’Aica, Alfonso Provvidenza. Un momento di confronto sereno, proficuo e franco, al termine del quale, comprendendo le esigenze della società di dovere garantire gli interventi manutentivi, abbiamo aperto al dialogo, fermo restando che le imprese, scottate e provate dalla sofferenza per i crediti accumulati, fanno fatica, pur manifestando la voglia di tornare a lavorare, ad accettare il rapporto di collaborazione. In occasione del sit-in di giovedì – concludono Di Natale e Spoto -  abbiamo chiesto un incontro al governo Musumeci, ma anche  ai vertici dell’Ars, per capire quali possibili percorsi concreti si potrannointraprendere nel nome della credibilità delle Istituzioni. Queste imprese hanno lavorato per conto dello Stato e non possono e non debbono esser abbandonate". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Servizio idrico e imprese creditrici di 1 milione di euro, nuovo sit-in di protesta a Palermo

AgrigentoNotizie è in caricamento