rotate-mobile
Giovedì, 30 Maggio 2024
L'intervento / Canicattì

Insultata e aggredita per strada dopo un furto in casa: donna corre dalla polizia

La trentaduenne è stata – secondo l’accusa – colpita allo stomaco con un pugno da una familiare del presunto ladro. Una donna che ha anche tentato di strangolare la romena

Chiede di andare in bagno, mentre è in casa di connazionali, e si impossessa di 300 euro che la proprietaria teneva all’interno di uno zaino. Un furto di cui la donna si accorge immediatamente dopo. Due giorni dopo, incontrando per strada il trentunenne romeno, la giovane donna lo ha affrontato faccia a faccia proprio in merito alla scomparsa dei soldi. Il trentunenne però ha subito alzato la voce ed ha cominciato ad offendere la connazionale. Un alterco, decisamente concitato, in mezzo alla strada che s’è concluso con una aggressione: la vittima del furto è stata – secondo l’accusa – colpita allo stomaco con un pugno da una familiare del trentunenne. Ma non soltanto perché – stando a quanto è stato denunciato – la familiare del romeno avrebbe anche tentato di strangolare la trentaduenne.

La vittima del furto e dell’aggressione, nelle ultime ore, si è presentata al commissariato di polizia di Canicattì dove ha raccontato tutto ai poliziotti e dove ha formalizzato denuncia. Gli agenti del commissariato hanno, naturalmente, subito avviato i necessari riscontri e trasmetteranno, nei prossimi giorni, i relativi incartamenti alla Procura della Repubblica di Agrigento.

La trentaduenne è stata però chiara nella sua ricostruzione dei fatti ed ha indicato, con precisione, tutti i nominativi dei coinvolti, circostanziando appunto quanto è accaduto prima nella sua abitazione e poi, nelle vicinanze della sua residenza, in mezzo alla strada.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Insultata e aggredita per strada dopo un furto in casa: donna corre dalla polizia

AgrigentoNotizie è in caricamento