Firetto ricorda Bommarito: "Se n'è andato un amico di tutti"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

"Se n'è andato un sincero amico per tutti, gioviale, umano, sempre attento ai problemi della comunità agrigentina e disponibile all'aiuto. Dal 1980 al 1988 nella Diocesi di Agrigento, si distinse per essere sempre al fianco degli ultimi, a sostegno delle battaglie sociali e per il suo impegno contro la mafia e la corruzione.
"A Roma di discute molto ma si decide lentamente e qui un popolo di onesti soggiace ad un minuscolo manipolo dalla mente diabolica" fu il monito di monsignor Bommarito a Canicatti, davanti al capo dello Stato,nel 1992, ai funerali del giudice Antonino Saetta e del figlio Stefano uccisi dalla mafia .

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento