Venerdì, 12 Luglio 2024
Cronaca

La Gaipa arrestato, Brunetta: "Com'era la storia degli impresentabili?"

Nuovo terremoto nel Movimento 5 Stelle. Il caso dell’imprenditore agrigentino ha suscitato diverse reazioni tra gli esponenti politici sia nazionali che locali

Nuovo terremoto nel Movimento 5 Stelle. L’arresto dell’imprenditore agrigentino Fabrizio La Gaipa, candidato alle scorse elezioni regionali e primo dei non eletti nella provincia di Agrigento, sta suscitando diverse reazioni nel mondo politico sia nazionale che locale.

La Gaipa arrestato per estorsione

TUTTE LE REAZIONI

BRUNETTA: "COM'ERA LA STORIA DEGLI IMPRESENTABILI?" - Ironico il commento su Twitter del capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, Renato Brunetta: "Un certo La Gaipa, uno dei candidati del Movimento 5 stelle alle scorse regionali, è stato arrestato dalla squadra mobile di Agrigento con l'accusa di estorsione. Com'era la storia degli impresentabili? Che dicono Di Maio, Di Battista e Cancelleri? Onestà-tà-tà-tà-tà-tà".

CESA: "COME MAI DI MAIO STA IN SILENZIO?" - Il segretario dell'Udc, Lorenzo Cesa si domanda: "Come mai ora Di Maio sta in silenzio?". Poi aggiunge: "A differenza dei grillini noi siamo garantisti sempre, abbiamo fiducia nella magistratura e non usiamo due pesi e due misure. Siamo contrari alle speculazioni mediatiche e politiche. Mi auguro che quanto è accaduto nelle ultime settimane serva da lezione a Di Maio e compagni: i processi non si fanno né in piazza né nei social ma nelle aule dei tribunali della giustizia nei confronti della quale bisogna avere grande rispetto".

FAVA: "SELEZIONE DEI CANDIDATI PIU' ATTENTA" - Sulla vicenda interviene anche il candidato governatore della sinistra e vice presidente della commissione parlamentare Antimafia, Claudio Fava. "È conferma che la selezione dei candidati e dei gruppi dirigenti deve passare da un vaglio più attento e meno formale - ha detto - . Non basta semplicemente il certificato dei carichi pendenti". "E' una buona lezione di vita - aggiunge -. Insegna che i meccanismi di selezione della classe dirigente devono essere meno leggeri, meno affidati al circolo degli amici e più improntati a una comunanza di lavori e battaglie. Serve non solo un'onestà formale ma anche una qualità morale. Io posso garantire su molti dei miei candidati perché li ho personalmente conosciuti, siamo stati insieme protagonisti di battaglie comuni e di un racconto condiviso. Se c'è una lezione che si può trarre da questa notizia è proprio questa: occorre una selezione meno formale e più di merito".

CAMPANELLA: "L'ONESTA' VA PRATICA, NON SOLO URLATA NELLE PIAZZE" "L'onestà va praticata e non solo urlata nelle piazze", ha affermato il senatore di Articolo 1-Mdp Francesco Campanella. "È evidente che la differenza rispetto alle altre formazioni politiche e' solo un falso mito da cui farebbero bene a liberarsi presto, magari innalzando il livello di attenzione e controllo rispetto ai candidati che propongono - ha aggiunto - a meno che non considerino l'accusa a Fabrizio La Gaipa una cosa di poco conto, d'altro canto sappiamo che nei confronti delle garanzie per i lavoratori hanno opinioni piuttosto elastiche, come hanno dimostrato in parlamento astenendosi sulla votazione finale per i vaucher e all'Assemblea Regionale Siciliana quando hanno affossato la riforma della formazione".

MICELI: "INCONSISTENZA DEL M5S" - "Il M5s è abituato a puntare il dito contro gli altri senza guardare mai dentro di sé. Per tutta la campagna elettorale i penstastellati hanno sollevato polveroni spulciando i candidati degli altri partiti, ma hanno dimenticato di fare attenzione alla condotta morale di chi hanno messo dentro le loro liste. La vicenda di oggi dimostra l'assoluta inconsistenza e falsità del loro progetto". Così ha commentato Carmelo Miceli, segretario provinciale del Pd di Palermo.

MELONI: "M5S HA GETTATO FANGO SUGLI AVVERSARI" - "Nelle liste siciliane è successo che purtroppo ci sono state delle persone che obiettivamente non erano candidabili e non erano da candidare - ha detto Giogia Meloni intervistata a 'Non Stop News' su Rtl 102.5. . Il punto è che è molto difficile per i partiti politici avere la certezza di tutti i candidati che mettono nelle loro liste". "È successo che molti di quelli che si vantavano di essere i più presentabili in realtà alla fine erano i più impresentabili. È il caso del M5S e di una campagna elettorale fatta tutta cercando di gettare fango sui propri avversari - rileva Meloni - e lo dico da persona e da partito politico che non ha avuto alcun problema nelle elezioni siciliane. Noi siamo molto rigidi nella definizione dei nostri candidati. Non ci sono stati "impresentabili" nelle nostre liste".

GIAMMANCO: "SIAMO ALLE MACCHIETTE" - "Per tutta la campagna elettorale siciliana i grillini, come un disco rotto, non hanno fatto altro che parlare di 'impresentabili', puntando il dito in modo ossessivo contro il centro-destra. Oggi si scopre che il primo dei non eletti ad Agrigento della lista super pulita del Movimento 5 Stelle è stato arrestato con l'accusa di estorsione. Che figura... 'Nella gara a fare i puri, troverai sempre uno più puro che ti epura' e i grillini non si accorgono che sono diventati delle macchiette". Lo afferma Gabriella Giammanco, deputato e portavoce in Sicilia di Forza Italia.

ZOGGIA: "M5S NON ESENTE DA RELAZIONI PERICOLOSE" - "La notizia dell'arresto di uno dei candidati del Movimento 5 stelle di Agrigento dimostra ancora una volta che quel movimento non è esente da relazioni pericolose e comportamenti illegali". Lo afferma il deputato di Articolo Uno - Mdp Davide Zoggia. "Noi abbiamo presentato una lista pulita fatta da persone animate da una grande passione politica e civile che hanno anteposto la lotta per una Sicilia migliore al proprio interesse personale. I fatti dimostrano che non tutti i candidati delle altre liste possono dire la stessa cosa", aggiunge.

SCOMA: "COSA FARANNO ORA CANCELLERI E I SUOI AMICI DI CAMPAGNA DENIGRATORIA?". Se lo chiede il senatore Francesco Scoma, vice commissario di Forza Italia in Sicilia a proposito dell'arresto, con l'accusa di estorsione, del primo dei non eletti della lista M5S ad Agrigento, Fabrizio La Gaipa che ha raccolto 4.357 voti. "Adesso - prosegue Scoma - cosa faranno il livoroso Cancelleri e gli altri due amici di campagna denigratoria? Urleranno ancora che 'sono sotto attacco'? Si toglieranno i voti 'sporchi' e lasceranno il secondo seggio ad Agrigento, se risultasse che questi voti siano stati decisivi? Questo è l'ennesimo 'inciampo' dei grillini che farebbero bene a non essere sguaiati ad accusare il mondo e ad avere rispetto per gli avversari politici che non sono dei 'nemici' da fucilare, e ringrazino anche la magistratura agrigentina che non ha operato l'azione giudiziaria sotto elezioni per non strumentalizzare politicamente la campagna elettorale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Gaipa arrestato, Brunetta: "Com'era la storia degli impresentabili?"
AgrigentoNotizie è in caricamento