menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Polo universitario si impreziosisce ancora di più, al via due nuovi corsi di laurea

Il presidente Mangiacavallo ha fatto sapere ad una delegazione di studenti che l'offerta formativa sarà ancora più ampia

Faccia a faccia tra il presidente del polo universitario di Agrigento, Antonio Mangiacavallo, ed una delegazione di studenti. All'incontro, che si è tenuto ieri mattina, hanno preso parte: Ilenia Giardina, come rappresentante degli studenti, Adele Nevinia Pumilia, in qualità di presidente dell’associazione Studentesca “Intesa” e Giorgio Gennusa, consigliere di Amministrazione dell’Ersu. Presenti all’incontro anche Marco Midulla, responsabile del servizio Ersu di Agrigento e il  Ettore Castorina, consulente di Ecua per i rapporti con l’università degli studi di Palermo.

Il presidente Mangiacavallo ha sottolineato la ferma volontà del consiglio di amministrazione del Consorzio, da lui presieduto, di "porre in essere tutte le iniziative utili al miglioramento dei servizi agli studenti, in un momento quale quello attuale, che vede un progressivo e sempre più concreto potenziamento dell’offerta formativa universitaria nella città di Agrigento". 

Saranno sette i corsi di studio che verranno attivati nel prossimo anno accademico. Secondo quanto emerso, dunque, ai cinque si aggiungeranno: il corso di studi in Scienze della Formazione Primaria e quello di Scienze delle Attività Motorie e Sportive.

La nuova offerta formativa, quasi certamente, porterà un nuovo flusso di studenti. Il Consorzio, secondo quanto si legge in una nota, si vorrà far trovare pronto alle incombenze derivanti da questa rinnovata offerta, alla quale si affiancano i corsi di alta formazione da ultimo banditi, coordinati dal consorzio stesso. 

"Gazie ad un finanziamento dell’assessorato Regionale alla formazione - si legge in una nota - per particolari figure che acquisiscano precipue e specifiche competenze nell’ambito musicologico, sotto l’egida del conservatorio Toscanini di Ribera, nell’ambito della scrittura, con l’associazione “La strada degli scrittori”, nell’ambito della recitazione classica e del canto, con “La casa del musical” ed infine, nell’ambito della scenografia e drammaturgia con la collaborazione dell’Associazione MeNo (Memorie e Nuove Opere), Bandi, che hanno riscosso notevolissimo interesse con richieste d’iscrizioni pervenute da Perugia, Trento, Milano e altre città d’Italia". 

I rappresentati degli studenti, nell’ambito delle loro specifiche competenze, hanno posto una serie di richieste, per l’appunto legate ai servizi degli studenti, e tra queste principalmente la realizzazione del pensionato universitario, il servizio mensa, l’apertura delle biblioteche dopo il lockdown.

Mangiacavallo "ha informato i presenti che il Consiglio di Amministrazione di Ecua si sta concretamente e fattivamente adoperando per addivenire alla soluzione del problema pensionato. In tale ottica si sta cercando di acquisire in tempi brevi, la piena disponibilità della residenza universitaria realizzata all’interno dell’ex-Ospedale di via Atenea". 

  Per quanto riguarda la mensa universitaria, è stato concordato come sia necessario provvedere, da parte dell’Ersu, all’apertura di un’altra sede più prossima a quella di Villa Genuardi, in modo da permettere alla popolazione studentesca di usufruire appieno di questo tipo di servizio, mentre le biblioteche, sempre rimanendo nell’ambito dei servizi agli studenti, così come regolamentato dall’università di Palermo, sono già in condizione di rispondere alle esigenze dell’utenza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento