Venerdì, 23 Luglio 2021
Cronaca

Deposito distrutto da più di 5 ore di fuoco, commerciante ittico nel mirino?

Il magazzino era stato già dismesso e, come gli altri di fianco, avrebbe dovuto essere demolito. Le fiamme hanno inghiottito praticamente ogni cosa: difficile, praticamente impossibile, stabilire cosa abbia innescato la scintilla iniziale

(foto archivio)

Distrutto da più di cinque ore, ininterrotte, di fuoco. Nel magazzino di via Molo, al porto Empedoclino, proprio a causa delle alte fiamme divampate durante la notte, sono crollati perfino alcuni dei solai. Difficile, praticamente impossibile, stabilire cosa abbia innescato la scintilla iniziale: se un innesco doloso o qualcosa di accidentale. Il fuoco ha inghiottito praticamente ogni cosa, lasciando devastazione in quello che era una magazzino dismesso. Un deposito di prodotti ittici che avrebbe dovuto – così come tutti quelli attigui – essere abbattuto. Delle indagini su quanto avvenuto a Porto Empedocle, ieri, dopo un nuovo incendio nel magazzino attiguo al primo già devastato, si stanno occupando i poliziotti della Squadra Mobile della Questura di Agrigento. Non è chiaro, in sostanza, se il concessionario del deposito – un commerciante di prodotti ittici, già noto alle forze dell’ordine, - sia stato preso di mira o meno da ignoti attentatori.

Erano le 4 circa quando l’Sos è risuonato alla centrale operativa dei vigili del fuoco di Agrigento. I pompieri, temendo appunto il peggio, si sono subito precipitati e sono rimasti al lavoro, cercando di fronteggiare il vasto fronte incandescente, fino alle 8. Soltanto a quell’ora, infatti, l’incendio è stato considerato completamente domato. Le fiamme, oltre ad incenerire tutto quello che c’era: materiale per circa 200 euro, hanno fatto crollare anche alcuni solai. Al lavoro, praticamente per l’intera notte, anche i poliziotti della sezione Volanti della Questura.

Ieri mattina, mentre i poliziotti della Scientifica erano al lavoro nel magazzino devastato dal rogo, è stato sentito odore di bruciato e immediatamente ci si è accorti che il fuoco stava creando devastazione anche nel dismesso magazzino attiguo. In questo caso, i pompieri sono riusciti ad evitare la distruzione del deposito. Certa la natura di quest’ultimo rogo: dovrebbe trattarsi di un corto circuito dell’impianto elettrico. Sul posto sono intervenuti, ieri mattina, anche gli agenti del commissariato “Frontiera” di Porto Empedocle.  

Non è risultato essere chiaro invece – né facilmente chiaribile – la matrice dell’incendio registratosi nottetempo. I poliziotti della Squadra Mobile, verosimilmente, nelle prossime ore, sentiranno il concessionario del magazzino: l’empedoclino, commerciante di prodotti ittici, già noto alle forze dell’ordine o comunque dei suoi familiari. L’obiettivo è, naturalmente, uno soltanto: riuscire a fare chiarezza e stabilire se vi siano state pressioni o minacce che potrebbero lasciare ipotizzare un attentato intimidatorio. Nulla viene escluso però, nemmeno la matrice accidentale. Così come è stato per il rogo di ieri mattina, nel secondo magazzino, potrebbe essere stato anche per l’incendio nel deposito utilizzato dal commerciante di prodotti ittici.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Deposito distrutto da più di 5 ore di fuoco, commerciante ittico nel mirino?

AgrigentoNotizie è in caricamento