Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca

"Costrinse tre dipendenti al trasferimento", slitta il processo

L’assenza di alcuni testi della parte civile ha fatto rinviare l'udienza a carico dell’imprenditore Salvatore Moncada accusato di violenza privata

Salvatore Moncada

L’assenza di alcuni testi della parte civile fa slittare il processo a carico dell’imprenditore Salvatore Moncada, accusato di avere costretto tre dipendenti ad accettare il trasferimento da un’impresa all’altra del gruppo oltre che della sede lavorativa da Porto Empedocle a Campofranco. La loro audizione era in programma ieri mattina davanti al giudice monocratico del tribunale di Agrigento, Katia La Barbera.

È stato deciso, invece, un rinvio all’11 gennaio. Nella stessa udienza è stata programmata anche l’audizione dell’imputato chiesta dal suo difensore, l’avvocato Marco Giglio. All’udienza precedente erano stati ascoltati due ex operai delle aziende del gruppo "Moncada" che avevano confermato in aula di essere a conoscenza del contenzioso di tre loro colleghi con l’imprenditore, un tempo definito “il re dell’eolico” che negli anni successivi ha esteso le sue aziende, che operano nel campo dell’energia rinnovabile, in tutto il mondo.

Salvatore Moncada, in particolare, è accusato di violenza privata perché avrebbe costretto tre dipendenti ad accettare il trasferimento da un’impresa all’altra del gruppo. L’inchiesta fu avviata proprio dalle denunce degli ex impiegati che hanno sostenuto di avere subito una costrizione e, dopo la citazione diretta a giudizio da parte della Procura, si sono costituiti parte civile. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Costrinse tre dipendenti al trasferimento", slitta il processo

AgrigentoNotizie è in caricamento