menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Verso il nuovo Dpcm, Natale e Capodanno blindati: "regioni chiuse" dal 21 dicembre al 6 gennaio

E' attesa in giornata la firma del premier Conte sul provvedimento anti Coronavirus in vista delle festività. Stop agli spostamenti tra Comuni il 25 e 26 dicembre e il primo gennaio. Vari nodi ancora da sciogliere, soprattutto per quanto riguarda la scuola. Ecco le novità che si profilano

Stop agli spostamenti tra Regioni dal 21 dicembre al 6 gennaio e divieto di uscire dal proprio Comune nei giorni del 25 e 26 dicembre e il primo gennaio. Tranne che per lavoro o salute, per raggiungere la residenza o per "necessità", autocertificate, come quella di "assistere un genitore solo".

La bozza del decreto del presidente del Consiglio dei ministri che entro oggi Giuseppe Conte dovrà firmare è stata redatta nella notte appena trascorsa. C'è la raccomandazione a non sedersi a tavola, anche dentro casa, nelle festività con persone non conviventi. Non si è ancora stabilito però quante persone far sedere a tavola. 

Mentre i ristoranti potrebbero rimanere aperti a pranzo anche a Natale e Capodanno. Confermato il coprifuoco alle 22 e il divieto di cenoni negli alberghi il 31 dicembre. Gli hotel tuttavia potranno rimanere aperti, ma alle 18 dell'ultimo dell'anno dovranno chiudere i loro ristoranti. La cena, se si pernotta in hotel, potrà essere servita solo in camera. Previsto lo stop alle crociere e la quarantena per chi rientra dall'estero. Dal 21 dicembre non ci si potrà muovere per raggiungere le seconde case.

Sarà un decreto del presidente del Consiglio a segnare i confini di quello che Roberto Speranza annuncia al Parlamento come un Natale "diverso dagli altri". La linea dura del governo è acclarata: dal 21 dicembre al 7 gennaio (ma le date potrebbero ancora variare) limitazione degli spostamenti e "lotta" agli assembramenti, a partire dalla chiusura delle piste da sci.

Ieri il premier Conte ha portato a tarda sera in Consiglio dei ministri un decreto legge per definire il perimetro delle nuove restrizioni, a partire dal divieto degli spostamenti. Il decreto servirà anche a consentire al prossimo dpcm di durare più di 30 giorni (si discute se porre il limite a 45, 50 o 60), per poter coprire le festività almeno fino alla Befana. Non tutto è deciso. Sulla scuola il governo è davanti a un bivio: interrompere la didattica a distanza per tornare a quella in presenza dal 14 dicembre o rimandare tutto all'anno prossimo? In Sicilia,  l'orientamento del Cts è chiedere alla Regione di prorogare la modalità da remoto fino a gennaio, col ritorno in classe fissato per il giorno dopo l'Epifania.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento